Visita a sorpresa della rockstar Piero Pelù alla mostra su Chagall a Rovigo

Sabato 26 Settembre 2020 di Elisabetta Zanchetta
Piero Pelù alla Mostra su Marc Chagall a Rovigo

LA VISITA - Gradita sorpresa alla mostra monografica su Marc Chagall, aperta da una settimana a Rovigo. Giovedì pomeriggio la reception si è sentita dire dagli addetti all’accoglienza: «State pronti, perché sta salendo Piero Pelù».
L’artista, ex cantante del gruppo italiano Litfiba, solista dal 1999, ha visitato la mostra in compagnia della moglie Gianna Fratta, direttrice d’orchestra e pianista. «All’inizio non ci credevo, mi sono fatta ripetere due volte il nome di Pelù – spiega la guida Silvia Sacchetto, che ha accompagnato i due visitatori alla mostra -. Mi ha colpito piacevolmente per il suo essere serio, e molto competente, di arte se ne intende: conosceva a fondo Chagall. Ha chiesto della curatrice Claudia Zevi e alcune opere le ha fotografate».
RICONOSCIUTI DAI VISITATORI
Sacchetto sottolinea come la visita sia stata «un confronto reciproco, una lunga chiacchierata attraverso le tele, alcune già conosciute da Pelù perché viste nelle sedi originali, in giro per il mondo, altre del tutto sconosciute. Pelù – prosegue la guida di Palazzo Roverella – ha apprezzato la sezione dedicata alle icone e ai lubky, novità dell’evento, e ha visitato anche la Pinacoteca dell’Accademia. Ha ammirato le opere di Tiepolo, Bellini, è rimasto incantato davanti alla mummia esposta nella Sala egizia».
Pelù non è passato inosservato agli altri visitatori. «Qualcuno l’ha riconosciuto e non avendo il coraggio di disturbarlo ne ha lasciato testimonianza nel registro delle presenze – conclude la guida - affermando che la mostra su Chagall è bellissima ma che la presenza di Pelù è stata un forte elemento di distrazione».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 14:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA