Cani e padroni felici: inaugurata la prima area comunale di giochi e sgambate

Domenica 10 Ottobre 2021 di Guido Fraccon
Primi esercizi nella nuova area di sgambamento

ADRIA  - La prima area di sgambamento cani della comunità adriese è da ieri realtà. Taglio del nastro, in via Bettola, a due passi dalla nuova area camper, nello spazio verde sul retro della scuola media Marino Marin, prato un tempo adibito a campo da mini rugby, della nuova struttura. A fare gli onori di casa il sindaco Omar Barbierato e l’assessore Sandra Moda. Accanto a loro alcuni consiglieri comunali di maggioranza, il dirigente Andrea Portieri e rappresentanze della Lega del cane sezione di Rovigo e del Gruppo Cinofilo Gli Angeli. Quest’ultima realtà si occupa di formazione e addestramento di unità cinofile da soccorso, svolge lezioni di educazione cinofila nelle scuole e interviene in attività di emergenza ed in caso di calamità per la ricerca di eventuali superstiti in superfice e sotto le macerie. 

“PRIMO PASSO”

«Questo - ha commentato Barbierato - è solo un primo passo. Si tratta di un’area di sgambamento, da non confondere con l’area da agility. Quando approveremo il piano strutturale del verde vedremo di individuare altre zone come questa, sia in città che nelle frazioni». «Adria - ha invece spiegato Moda - è sempre più pet friendly. Abbiamo finalmente uno spazio dedicato esclusivamente ai nostri amici a quattro zampe. Qui potranno correre e giocare liberi soprattutto quegli animali che non godono del beneficio di avere dei giardini privati. D’obbligo i ringraziamenti al dirigente e agli uffici che hanno seguito l’iter del progetto fino al suo compimento. Motivo per cui è bene che ogni cittadino ne abbia cura, rispettandone le regole di utilizzo disciplinate dal regolamento appeso alla recinzione». 
Secondo il regolamento per accesso, gestione e utilizzo delle aree di sgambamento cani, approvato dal consiglio comunale circa un anno fa, l’area di sgambamento sarà aperta tutti i giorni dalle 7 alle 22 salvo diverse decisioni. 

GESTIONE DELL’AREA

L’amministrazione comunale si è riservata di chiudere, anche temporaneamente, lo spazio qualora dovessero insorgere problemi inerenti al comportamento dei fruitori, problemi di ordine igienico-sanitario o di incolumità dei cittadini, nonché in genere per motivi di pubblico interesse. I cani dovranno poi essere assicurati per eventuali danni che gli stessi potrebbero arrecare ad altri cani o a persone. La vigilanza sarà affidata agli organi di polizia in generale ed in particolare agli agenti di Polizia Locale ed al personale del Servizio Veterinario dell’Ulss 5

OBBLIGHI E SANZIONI

Per le violazioni degli oneri e obblighi dei fruitori dell’area e per la mancata raccolta delle deiezioni solide possono scattare sanzioni da 50 a 100 euro. «Quando un’Amministrazione decide di prestare attenzione agli animali da compagnia - ha evidenziato Chiara Cappellato della Lega del cane sezione Rovigo - è sempre un’ottima cosa. Auspichiamo che tutte le municipalità prendono esempio da Adria». «Come gruppo cinofilo - ha specificato Danieli - a febbraio del prossimo anno spegneremo la ventesima candelina. Noi siamo parte della Protezione Civile di Adria. Ben vengano strutture come queste. Da una decina di anni a questa parte il rapporto tra uomo e cane è cambiato. Ora i cani vivono sempre più spesso in casa ed hanno bisogno per il loro benessere fisico di queste aree. Speriamo che si possano ampliare. È anche una punto di incontro per le persone anziane».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA