Tbc, bambina ricoverata in ospedale
Profilassi per tutta la classe

La scuola primaria Cicuto in via Santa Lucia.
PORDENONE - È stata riscontrata una positività al test della tubercolosi in una bambina di 10 anni che frequenta una scuola primaria di Sesto al Reghena: la piccola è ricoverata da qualche giorno in ospedale. Le autorità sanitarie hanno avvisato il dirigente scolastico e il sindaco, Marcello del Zotto, ed è stata convocata per questa sera una riunione con i genitori. L'Azienda per l'assistenza sanitaria Friuli occidentale fa sapere che la bambina contagiata dalla Tbc è nata in Italia da famiglia straniera. La piccola era già seguita da gennaio dal Dipartimento di prevenzione, perché a stretto contatto con una paziente con tubercolosi bacillifera.

Così dal 2 aprile, una trentina di persone, tra maestre, compagni di classe e iscritti al doposcuola, verrà sottoposta al test per verificare l'eventuale diffusione del batterio. «Come anche attestato dall'Istituto Superiore di Sanità - afferma il sindaco - la trasmissione non è facilissima, per cui l'invito è ad attendere con tranquillità l'esito dei test e a sottoporsi all'eventuale profilassi. Il fatto stesso che l'attività scolastica stia proseguendo regolarmente ci conforta molto e ci fa confidare nella capacità delle autorità sanitarie di gestire per il meglio questa situazione».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 1 Aprile 2019, 18:01






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tbc, bambina ricoverata in ospedale
Profilassi per tutta la classe
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2019-04-01 22:47:31
I doni dei doni
2019-04-01 20:25:43
PRIMA non c'era....ADESSO c'e'.
2019-04-01 19:55:12
... tbc.. ara di inclusione. sacrario di santità. fiore di civiltà.. apologia di universalità...
2019-04-01 18:21:12
Nazionalità?
2019-04-01 18:19:33
Secondo me si sapeva gia' da tempo della recrudescenza della malattia e di molti affetti di importazione da zone dove la prevenzione la cura sono sconosciute.Ma forse l'obbligo del segreto professionale ha mantenuto le informazioni tra gli addetti al lavoro...che pur sempre hanno obbedito a "consigli"politici.Ovvero....tanta accoglienza e cure gratis ma minimizzando i problemi derivati da immigrazione selvaggia. Adesso...aspettiamoci pure lebbra, peste e tifo, dengue ecc.