Il ct Mancini chiama i "ramarri" Dalle Mura e Cambiaghi al campus azzurro

Sabato 21 Maggio 2022 di Giuseppe Palomba
Nicolò Cambiaghi

PORDENONE - La stagione decisamente deprimente dal punto di vista sportivo e quindi dei risultati, che hanno decretato la retrocessione del Pordenone in serie C dopo tre anni in cadetteria, non è tutta da buttar via. La conferma arriva dalle prime voci di calciomercato, che riguardano soprattutto i ramarri più giovani, su cui diverse società di B e di C hanno messo gli occhi. Calciatori di proprietà e non, hanno avuto comunque modo di mettersi in mostra durante questa tribolata stagione. Su tutti spiccano i giovani talenti Nicolò Cambiaghi (36 presenze, 7 gol e 5 assist in stagione) e Cristian Dalle Mura (17 presenze in neroverde e tutte nel girone di ritorno), già premiati durante l'anno con le convocazioni in azzurro, rispettivamente nelle rappresentative Under 21 e Under 20.


DUE STELLE
Arrivati entrambi in riva al Noncello in prestito faranno presto rientro a casa ed usufruiranno delle eventuali cessioni, rispettivamente, Atalanta e Fiorentina, che ne detengono il cartellino. Alla società neroverde andrà comunque un premio per la loro valorizzazione. Un valore accresciuto soprattutto nelle ultime ore, grazie alla storica chiamata in nazionale maggiore dei due campioncini, accolta dal club neroverde con particolare soddisfazione. C'è anche del neroverde nel laboratorio per il futuro del calcio italiano, si legge nella nota ufficiale diramata dall'ufficio stampa neroverde. È con particolare soddisfazione (ed emozione) che il Pordenone Calcio ha ricevuto una doppia storica convocazione per lo stage della Nazionale maggiore, fortemente voluto dalla Figc, d'intesa con le Leghe e i Club, e dal commissario tecnico Roberto Mancini, per valutare da vicino i miglior giovani d'Italia, possibili protagonisti in maglia azzurra nel breve e medio periodo. Nell'elenco figurano l'attaccante Nicolò Cambiaghi e il difensore Christian Dalle Mura, fra i migliori Under dell'intera Serie B 2021/22. Sono in tutto 53 i calciatori convocati dal Ct Mancini, divisi in due gruppi e chiamati a sostenere due sedute di allenamento. Nello specifico sono 29 i calciatori di Serie A, 18 quelli di Serie B e 6 quelli impegnati all'estero. I giocatori si ritroveranno a Coverciano tra martedì e giovedì, dove Mancini e il suo staff avranno modo di valutarne le qualità, sia umane che balistiche, al fine di integrarli, in futuro, nel gruppo azzurro.


UNA SCUOLA
Il Pordenone si conferma scuola di talenti azzurri. In precedenza Tommaso Pobega era esploso in neroverde, prima di conquistare (nel biennio seguente) l'Under 21 e la Nazionale maggiore. Con la maglia dei ramarri, anche il difensore Alessandro Vogliacco era stato convocato nell'Under 21, partecipando anche agli Europei.


OPEN DAY
Mirko Stefani, Alessandro Bassoli, Alberto Barison e la campionessa paralimpica di tennistavolo Giada Rossi saranno gli ospiti dell'Open Day sul Post Covid promosso da Fiumedica, partner del Pordenone Calcio ed eccellenza sanitaria di riferimento del territorio, che si terrà mercoledì, alle 18, nella Villa Fossa Mala di Fiume Veneto (ingresso gratuito e su prenotazione). Un'open day in medicina dello sport focalizzato sugli effetti post Covid, sugli sportivi e il loro graduale rientro in attività. «Dopo anni di contatti virtuali - ha dichiarato Massimo Fausti, titolare di Fiumedica - ci sarà finalmente la possibilità di un incontro in presenza. I nostri specialisti in medicina e cardiologia tratteranno temi di grande attualità e importanza, tra cui il Return to play, visto non solo come un obbligo, ma come un'occasione di prevenzione». É da questi aspetti che nasce Fiume Sport, una nuova divisione di Fiumedica che fornisce servizi all'avanguardia, assecondando le necessità degli atleti e delle società sportive.

 

Ultimo aggiornamento: 13:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci