Fa il pesto per la pasta con il fiore raccolto in montagna, Valerio muore avvelenato a 62 anni

Martedì 6 Aprile 2021 di Redazione di Pordenone
Il 62enne Valerio Pinzana e la pianta incriminata
12

TRAVESIO (PORDENONE) - Muore avvelenato dopo aver cucinato una pasta con il colchico d’autunno, un fiore estremamente velenoso che aveva raccolto in montagna. Un errore che si è trasformato in tragedia e ha colpito la piccola comunità di Travesio, in provincia di Pordenone, dove è morto il 62enne ex bidello Valerio Pinzana. L'uomo è scomparso nella giornata di Pasquetta in ospedale a Pordenone, dov'era stato ricoverato dopo che le sue condizioni si erano improvvisamente aggravate. Ha lasciato il figlio e la compagna. 

Valerio Pinzana, molto conosciuto anche per il suo passato da bidello nelle scuole, aveva raccolto questo fiore per errore, non sapeva che fosse molto velenoso e lo ha usato per fare il pesto con cui ha poi condito la pastasciutta. Un errore che è stato fatale per il 62enne. Inutili i tentativi dei medici per sottrarlo alla morte. Il suo fisico era ormai avvelenato e non c'è stato nulla da fare.

Ultimo aggiornamento: 9 Aprile, 10:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA