Venerdì 8 Febbraio 2019, 12:36

Ali Baba, il profugo spacciatore. Centinaia di spinelli a studenti minorenni

PER APPROFONDIRE: droga, maniago, profugo, spaccio
Ali Baba, il profugo spacciatore. Centinaia di spinelli a studenti minorenni

di Cristina Antonutti

MANIAGO - C'è chi lo chiama Ali Baba. Chi Saki o Paji. Altri ancora lo hanno memorizzato sul telefonino come Magreb. Poco importa come a Maniago conoscono Syedd Seerat Hussain, pakistano di 31 anni ospite nella struttura d'accoglienza di via Rosa Brustolo 17/a. Per tutti è lo spacciatore che vende hascisc e marijuana sul ponte pedonale di legno, quello in via Battiferro. È lì che aspetta ragazzini, neo maggiorenni o giovani poco più che ventenni a cui offre a 5/10 euro al grammo le sue sostanze...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ali Baba, il profugo spacciatore. Centinaia di spinelli a studenti minorenni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-02-08 13:18:46
Qualcuno sta indagando su dove il "signore" in questione si procurava le considerevoli quantita' di stupefacenti da spacciare? O ci si ferma solo ai pesci piccoli? Come occupano il loro tempo questi "ospiti" di strutture di accoglienza? Chi li controlla? Chi ne risponde? O le strutture servono solo ad autoalimentarsi di sovvenzioni caritatevoli a spese del contribuente?