Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Disagio sociale, aiuti soprattutto ai poveri italiani, migranti e stranieri in calo

Martedì 24 Maggio 2022 di Lara Zani
Aiuti soprattutto ai poveri italiani, migranti e stranieri in calo

PORDENONE - Gli italiani si confermano al primo posto fra le nazionalità degli utenti seguiti dal Centro di ascolto diocesano. È un dato che emerge dalla Relazione della Caritas diocesana, che attraverso i numeri delle attività svolte prova a leggere il fenomeno povertà nel territorio. Un quadro che vede appunto una diminuzione del numero degli stranieri rispetto agli italiani, numerose situazioni di precarietà occupazionale e disoccupazione in persone difficilmente collocabili nel mondo del lavoro e, fra i fenomeni in crescita, la coabitazione come soluzione per far fronte alle spese per affitti e utenze.

Nelle venti parrocchie che hanno partecipato alla rilevazione appare subito evidente che la nazionalità che più usufruisce degli aiuti è quella italiana. I nuclei familiari supportati sono stati infatti 1.181, dei quali 758 stranieri e 423 italiani, per un totale di 3.068 persone. Dopo i connazionali si collocano ghanesi e marocchini, ma in genere il numero degli stranieri è diminuito rispetto al passato, perché molti di loro si sono integrati nel tessuto sociale e altri se ne sono andati. Le parrocchie si rivelano anche la realtà capace di intercettare più facilmente le situazioni di bisogno della popolazione anziana.
Al contrario, è mediamente più giovane l'utenza del Centro di ascolto diocesano di Casa Madonna Pellegrina, che si fa carico delle situazioni più complesse e che nel 2021 ha intercettato 186 nuclei familiari, per un totale di 520 persone: singoli e famiglie in situazioni di disagio economico oppure con multiproblematicità o in stato di precarietà abitativa. Coloro che si sono rivolti al Centro di ascolto sono dunque soprattutto persone giovani e in età lavorativa. Il 60 per cento di loro è disoccupato e, spiega la referente del Centro d'ascolto Adriana Segato, spesso difficilmente collocabile nel mondo del lavoro a causa di una serie di limiti come la limitata scolarità, le scarse competenze linguistiche, la difficoltà per le donne di conciliare impegni familiari e lavorativi, la mancanza di patente e di mezzi di trasporto adeguati e problematiche di salute.

Le richieste degli utenti sono soprattutto di ascolto e di sostegno concreto, poi di beni materiali come gli alimenti, ma anche di orientamento verso i servizi pubblici e la rete delle realtà caritative, fino alle persone che hanno difficoltà ad accedere a cure sanitarie per problemi economici.
Quanto al Fondo diocesano di solidarietà, nel 2021 ha erogato aiuti per 69mila euro, di cui hanno usufruito 65 nuclei, per lo più famiglie con figli. Le spese coperte hanno riguardato soprattutto la gestione della casa. Per quello che riguarda l'emergenza abitativa, le strutture in campo sono la Locanda, gli appartamenti nella Casa della Madonna Pellegrina e appartamenti privati o parrocchie. Nel 2021, ha spiegato Andrea Castellarin di Nuovi vicini, sono stati accolti 133 nuclei familiari, per un totale di 180 persone.
E cresce l'attività dell'Emporio solidale, promosso tre anni fa assieme alla Croce rossa, alla Chiesa evangelica battista e alla San Vincenzo de' Paoli, che nel 2021, con i 22 volontari coordinati da Tatiana Pillot, ha supportato quasi un migliaio di persone con la distribuzione di prodotti per 127mila euro. «Questa non è un'analisi su tutte le povertà e vulnerabilità della Diocesi precisa il direttore della Caritas Andrea Barachino -, ma vorrebbe essere un punto di partenza e un contributo che ogni anno cerchiamo di portare per confrontarci sulle povertà del nostro territorio, a partire dalle persone che abbiamo ascoltato e accolto». «Non sono mai stato preoccupato come in questi ultimi anni - ha concluso il vicario generale della Diocesi, don Orioldo Marson -, ma credo che una speranza possa venire dalle sinergie comunitarie con le istituzioni, i soggetti economici, il terzo settore, le parrocchie».

 

Ultimo aggiornamento: 09:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci