Mamma Elena uccisa dal male a 43 anni dopo una lunga lotta

Domenica 24 Ottobre 2021 di Lorena Levorato
Elena Bacchin

VIGONZA - Addio a Elena, donna forte e coraggiosa, con un'anima artistica. Se n'è andata venerdì sera, a 43 anni, tra le braccia della sua mamma Daniela: Elena Bacchin ha lottato per quasi quattro anni contro un tumore al seno scoperto quando non ne aveva solo 39 anni. Un fastidio al seno che durava da qualche tempo, e così Elena si è rivolta al suo medico di base, che è anche suo zio, Francesco Alibrandi. Dopo una serie di accertamenti ed esami, è arrivata la diagnosi: carcinoma al seno, già troppo esteso per essere eliminato definitivamente. Anche se spaventata, Elena ha fuori tutta la sua grinta ed è andata avanti sempre con il sorriso e una tenacia che in tanti ricordano. Ha combattuto con forza e determinazione per quattro anni, alternando visite e cure; senza mai trascurare l'amore della sua vita, la sua bambina Sofia che oggi ha 12 anni. In questi anni difficili le è sempre stato accanto il compagno Alessandro Doni, e tutta la sua famigliola. 

DONNA ENERGICA

Elena era una donna energica, intraprendente, dall'infinita dolcezza e gentilezza. Ma era anche uno spirito artistico e creativo: la sua passione erano il disegno e la fotografia, la pittura. Quando la figlia frequentava le elementari, Elena ha creato simpatici e originali vestiti per i bambini della scuola in occasione di recite e altre manifestazioni. Mia sorella era un'artista a 360 gradi ricorda il fratello Alberto -. Ha sempre lavorato nel campo artistico e ultimamente si occupava di curare l'immagine e la grafica di alcune band emergenti inglesi. Era una vera creativa e curava anche dei video clip. Da lunedì Elena era ricoverata al Melograno di Camposampiero, il centro residenziale di cure palliative; venerdì era, quando è mancata, stavo andando a dare il cambio a mia mamma per stare con lei la notte. Alle 20.50 il suo cuore ha ceduto e ha chiuso i suoi bellissimi occhi per sempre. Mia sorella era una donna ed una madre straordinaria; ha avuto fino alla fine una forza ed un coraggio incredibili. Ora dobbiamo pensare a sua figlia, nostra nipote». Elena abitava nella frazione di Busa dov'era molto conosciuta e la sua morte è piombata come un macigno.

Di lei ricordano la sua gentilezza, il sorriso, l'energia e la forza d'animo. Ora il vuoto che lascia è enorme in tutti coloro che l'hanno incontrata e amata. «Mi è mancato il respiro dice commossa la cugina Nadia Alibrandi -, ma riesco comunque a sentirla qui con me. Eravamo coetanee, siamo nate a pochi mesi di distanza, e siamo cresciute insieme. Tra i mille ricordi che ho di lei, mi porto nel cuore la sua eccezionale e unica creatività, i suoi incredibili disegni, il suo tocco magico ogni volta che prendeva in mano anche una semplice matita: Elena resterà nel cuore di moltissime persone. Ha affrontato la malattia con forza ed il sorriso; ora volata via ma, tra le bellissime cose che ha lasciato in dono a tutte noi, la più preziosa è l'importanza dell'informazione e della prevenzione». I funerali di Elena Bacchin saranno celebrati domani alle 16 nella chiesa di Busa.

 

Ultimo aggiornamento: 09:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA