Mafia, arrestato amministratore della Fip:
ha costruito anche le cerniere del Mose

Mercoledì 9 Ottobre 2013
Il cantiere del Mose a Malamocco

PADOVA - L'amministratore delegato della Fip di Selvazzano (Padova), l'ingegner Mauro Scaramuzza, e Gioacchino Francesco La Rocca, figlio del capomafia detenuto "Ciccio", sono stati arrestati dai carabinieri insieme ad altri tre indagati, nell'ambito di un'inchiesta su un appalto pubblico da 140 milioni di euro per la "variante" del comune di Caltagirone (Catania). Nei loro confronti i militari dell'Arma hanno eseguito un ordine restrittivo del gip su richiesta della Dda della Procura di Catania, che ipotizza, a vario titolo, i reati di associazione di tipo mafioso, intestazione fittizia di beni e concorso esterno in associazione mafiosa.

Dalle indagini dei carabinieri sarebbe emerso l'interesse della storica famiglia mafiosa di Caltagirone dei La Rocca, legata a Cosa nostra, nell'esecuzione dei lavori.

Secondo l'accusa, la cosca avrebbe agito affinché venissero dati in subappalto a ditte direttamente controllate dal clan con contratti artificiosamente frazionati in modo da eludere la normativa antimafia, percependo così un indebito profitto mediante l'ottenimento di finanziamenti pubblici.

Tra gli arrestati c'è Scaramuzza, ingegnere mestrino e amministratore delegato della Fip di Selvazzano, impresa di rilevanza internazionale (fra l'altro ha costruito le cerniere del Mose), aggiudicataria dell'appalto (insieme alle società L&C unite in associazione temporanea di imprese) che secondo la Procura era «consapevole di apportare il contributo al clan La Rocca». Nel corso dell'operazione i carabinieri hanno sottopoto a sequestro preventivo due società.

Altri servizi e approfondimenti sul Gazzettino in edicola giovedì 10

Ultimo aggiornamento: 10 Ottobre, 07:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA