Cadavere recuperato nel Brenta, sarebbe la donna padovana scomparsa due mesi fa

Venerdì 24 Gennaio 2020

PADOVA - Sommozzatori e vigili del fuoco al lavoro sotto le arcate di un ponte sul fiume Brenta, a Vigonza, dove è stato ritrovato il corpo di una donna, incastrato nel materiale che la corrente aveva accumulato contro i piloni. Le prime ipotesi collegano il ritrovamento alla scomparsa di una 66enne di Campodarsego che due mesi fa, il 18 novembre, aveva parcheggiato la sua auto nei pressi del fiume a Cadoneghe, lasciando sul cruscotto un biglietto in cui rivolgeva le sue scuse ai parenti.

Di lei non si erano più avute notizie. Non vi è per il momento certezza che il corpo ripescato oggi sia il suo anche perchè in avanzato stato di decomposizione a causa della lunga permanenza in acqua.  

Il ritrovamento da parte di alcuni operai impegnati in un cantiere sull'argine del fiume.

Ultimo aggiornamento: 21:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA