Venerdì 20 Settembre 2019, 22:15

«Io assolto, ma dopo 14 anni di calvario la mia vita è distrutta»

L'ex direttore del Parco nazionale Dolomiti Bellunesi Vitantonio (Nino) Martino

di Andrea Zambenedetti

«Mi guardi. Sto tremando come una foglia. Dopo tanto tempo è finita. Quanto mi è costata questa vicenda? Non faccio più il mio lavoro, questa è l’unica cosa che conta. Ho lavorato tutta la vita per un futuro migliore e invece mi sono trovato in questa situazione». Le dodici sono passate da un paio di giri di lancetta quando Vitantonio Martino, per tutti Nino, 57 anni di Feltre, ex direttore del Parco nazionale delle Dolomiti, inforca la porta a vento dell’aula al primo piano del palazzo di giustizia di Belluno. La presidente del Collegio, il giudice Angela Coniglio (a latere Scolozzi e Cittolin) ha appena dato lettura della sentenza che lo assolve da una parte dei 37 capi di imputazione, per fatti che gli venivano contestati tra il 2005 e il 2011. Per le rimanenti contestazioni è invece intervenuta la prescrizione.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Io assolto, ma dopo 14 anni di calvario la mia vita è distrutta»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2019-09-22 09:03:40
il parco bellunese è incolto e guai se tocchi una pianta. Prendiamo esempio dall'alto adige dove senza tanti inutili parchi, hanno prati tagliati ed alberi ordinati nel bosco come in un disegno.
2019-09-22 08:54:39
Vitantonio Martino, sei napoletano o da quelle parti! Auguri. Di sventure (io compreso) ne siamo pieni tutti.
2019-09-22 07:50:17
Prescrizione non è assoluzione!
2019-09-22 11:28:19
infatti....gli è andata molto bene! La giustizia non funziona per i suoi ritardi che sfociano in prescrizioni.
2019-09-21 12:16:19
Per non avere grane meglio non avere enti e parchi ecc. e che vada tutto a remengo, ovvero che la natura segua il suo corso(il che forse non sarebbe male:vegetazione ,crolli di piante naturali, eventi straordinari ,erosione...frane strade e case in lento di roccamento e avviluppate da piante.Nessuna "valorizzazione"., percorso didattico, sentieri presto spariti.. Canta Guccini:"e noi non ci saremooo o no, noi non ci saremo."