Martedì 8 Ottobre 2019, 15:35

"Diritti inespressi": ad un pensionato su 2 spettano più soldi dall'Inps

Da sinistra Elisa Casanova, Maria Rita Gentilin, Gabriele Ganz dello Spi Cgil

di Federica Fant

BELLUNO - I diritti previdenziali di tante persone non sono riconosciuti automaticamente dall'Inps. Si chiamano diritti inespressi, che però possono diventare diritti riconosciuti. Sono diritti che vengono attribuiti solo a fronte di una domanda specifica. In particolare per motivi contributivi, reddituali, familiari. Il sindacato pensionati italiani (Spi) della Cgil di Belluno ha lanciato ieri la Grande campagna dei diritti inespressi, spiegata nel dettaglio da Maria Rita Gentilin, Gabriele Ganz della segreteria Spi e da Elisa...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
"Diritti inespressi": ad un pensionato su 2 spettano più soldi dall'Inps
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-10-08 19:36:36
L'INPS continuerò a ripeterlo va rinnovata, rifondata. Bloccare prima di tutto le pensioni sopra i 3000 euro. Fino a 3000 si pagano, il resto va ad integrare chi ha bisogno. Poi meno persecuzione alle piccole imprese con al massimo 1 dipendente: se non guadagnano per mancati pagamenti si blocca la sanguisuga INPS che non guarda in faccia nessuno.