Resta incinta e il capo la assume a tempo indeterminato: «Sei troppo importante per l'azienda»

Mercoledì 22 Gennaio 2020
Dipendente precaria rimane incinta, il capo la assume a tempo indeterminato: «Sei troppo importante per l'azienda»
5

La 33enne Selene Vella, di Casciana Terme (Pisa), temeva di perdere il lavoro quando ha scoperto di essere rimasta incinta. La reazione del suo datore di lavoro, Davide Zaccaria, è stata però sorprendente: anziché licenziarla, le ha proposto un contratto a tempo indeterminato. A raccontare questa bella storia è Il Tirreno. Selene lavora in un'azienda che si occupa di energie rinnovabili a Bientina, in provincia di Pisa, e con un contratto in scandenza a marzo, temeva di rimanere disoccupata lungo tutto il periodo della gravidanza.

«Incinta? Ti assumo». Christian Bracich, imprenditore triestino nominato da Mattarella eroe della Repubblica
Resta incinta e ottiene il contratto a tempo indeterminato: «L'azienda è fatta di persone, non di numeri»

Quando però ha incontrato il capo per comunicargli di essere incinta, quest'ultimo l'ha stupita offrendole il tanto agognato "posto fisso": «Sei assunta. A tempo indeterminato. Vieni a lavorare fino a quando ti sarà possibile, poi goditi la maternità e torna in azienda quando sarai nel pieno della forma. Benvenuta nella nostra famiglia, sei troppo importante per lasciarti scappare».

Sei incinta? Niente posto nel privato e neppure nel settore pubblico

Davide Zaccaria ha poi raccontato: «Si è commossa, non me lo aspettavo. È stato bello vederla così felice, piena di gioia. Non potevo farla andare via solo perché è rimasta incinta. Sì, è vero, nei prossimi mesi saremo in difficoltà perché avremo un dipendente in meno, ma stringeremo i denti per Selene e lo faremo tutti volentieri». Incredula anche Selene che, sempre ai microfoni de Il Tirreno, ha dichiarato: «Sono molto felice, e soprattutto sono grata all’azienda, che in un momento così delicato della mia vita mi è stata accanto. E mi ha regalato un sogno nel sogno. Racconterò tutto questo a mio figlio, per insegnargli che al mondo esistono ancora le brave persone».

Il titolare del bar la costringe a lavorare ​fino al giorno del parto: condannato

Ultimo aggiornamento: 23 Gennaio, 15:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA