Simba La Rue, rapper accoltellato a Bergamo dopo l'aggressione a Baby Touche. Il rivale: «Non voglio la guerra»

Lite a Treviolo, il 20enne stava accompagnando a casa la fidanzata

Giovedì 16 Giugno 2022
Simba La Rue, il rapper accoltellato a Bergamo: agguato in un parcheggio, è in codice rosso

È ricoverato in prognosi riservata perché ferito in un agguato la scorsa notte nel Bergamasco, ma non sarebbe in pericolo di vita, il rapper Simba La Rue, all'anagrafe Mohamed Lamine Saida, 23 anni di origini tunisine ma residente nel Lecchese. L'accoltellamento la scorsa notte a Treviolo, alle porte di Bergamo, mentre accompagnava a casa la fidanzata, che vive proprio lì. Per i carabinieri del Comando provinciale di Bergamo e della compagnia di Treviglio, che indagano sull'accaduto, l'aggressione potrebbe essere maturata nell'ambiente della musica rap. 

Baby gang in Brianza, minacce con i coltelli e furti fuori dal liceo: arrestati due 16enni

Baby gang, l'incubo nelle città: Milano, Roma e Napoli, violenze e cocaina per i like. ​Le nuove vittime sono le ragazze

L'agguato attorno alle 3 in un parcheggio di via Aldo Moro, nella zona residenziale di Treviolo. La Rue aveva appena parcheggiato e, evidentemente, chi lo ha aggredito sapeva che sarebbe arrivato. E lo stava aspettando. 

 

 

Posteggiata l'auto, l'artista è sceso ed è stato a quel punto che un giovane gli è andato incontro, sferrandogli diverse coltellate: non è ancora chiaro se con l'aggressore vi fossero o meno altre persone. Il rapper ha cercato di difendersi, ma ha avuto la peggio e ha iniziato a perdere molto sangue. A quel punto la fidanzata si è messa a gridare, svegliando i residenti della zona, che si sono affacciati alle finestre e sono scesi in strada. È scattato l'allarme al 112, che ha inviato sul posto automedica e ambulanza del 118 per le cure a La Rue, rimasto comunque cosciente. E' stato quindi trasferito all'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, dove si trova ricoverato. La Rue si è poi fatto vivo con i suoi fans, pubblicando un post con scritto: «Mi riprendo presto, fate attenzione alle vostre spalle». Nei giorni scorsi anche un altro rapper, il padovano Baby Touché, è stato aggredito da un gruppo di ragazzi, a Milano, che lo hanno caricato su un'auto e picchiato per ore mentre veniva filmato. Uno di questi video è finito su Instagram, su un profilo che richiama il nome di Simba La Rue, il cui coinvolgimento nel pestaggio non è stato però accertato. Tra i due la rivalità è comunque nota, tanto che questa mattina sul profilo Instagram di un amico del rapper di Padova è apparsa quella che sembra essere una sorta di 'rivendicazionè dell'agguato notturno a La Rue. «Io faccio musica, solo musica, tutto il resto lasciatelo lontano da me, che non voglio fare la guerra. Nessuno di noi vuole una madre che piange», dice in una story sui social Touché, che ha subito preso le distanze dall'agguato a Simba La Rue.

 

La risposta di Baby Touche

Baby Touche, rapper che è stato picchiato nei giorni scorsi da Simba La Rue, si chiama fuori da quanto accaduto la notte scorsa a Treviolo nel Bergamasco dove Simba è stato accoltellato (è ora in ospedale). «Io faccio musica, solo musica, tutto il resto lasciatelo lontano da me, che non voglio fare la guerra», sostiene in una story sui social. «Nessuno di noi vuole una madre che piange», aggiunge Baby Touche, che ha detto di non sapere nulla di quanto accaduto la notte scorsa, mentre sui social, dagli appassionati di 'dissing', le sfide a base di insulti e minacce via web tra rapper e trapper, il ferimento di Simba La Rue viene inteso come vendetta conseguente al suo pestaggio.

Ultimo aggiornamento: 21:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA