Simon Gautier, la mamma: «Avevo la mappa del suo percorso, ma ci hanno avvertito 3 giorni dopo». L'autopsia: «Choc emorragico, agonia durata 45'»

PER APPROFONDIRE: simon gautier
Simon Gautier, la mamma: «Avevo la mappa del suo percorso, ma ci hanno avvertito 3 giorni dopo». L'autopsia: «Choc emorragico, agonia durata 45'»
Dopo la morte di Simon Gautier, il turista francese 27enne disperso per giorni e ritrovato senza vita in un burrone, è scoppiata la polemica sui soccorsi e sull’eventualità che si potesse fare qualcosa in più per salvargli la vita. La mamma Delphine Godard, in un’intervista di oggi al Corriere della Sera, ha parlato della sua morte e di ciò che è successo, e soprattutto di ciò che si sarebbe potuto fare per evitare la tragedia.

«Siamo stati avvisati tardi, solo nel pomeriggio di lunedì ci hanno detto che Simon era scomparso», ha detto Delphine: il 12 agosto dunque, e Simon era scomparso già da tre giorni. «Se ci avessero rintracciato prima, potevamo fornire informazioni dettagliate agli inquirenti», aggiunge.
 
 

La famiglia era tra l’altro in possesso della mappa del percorso che Gautier avrebbe seguito a piedi dal Cilento verso Napoli: una mappa che poteva tornare molto utile durante le ricerche. Perché dunque le autorità italiane, pur conoscendo (da quella drammatica telefonata al 118) le generalità del turista disperso, non ha contattato subito la sua famiglia? Delphine se lo chiede, ed è distrutta. «Mi auguro che l’ipotesi dei medici che sia morto dopo la caduta sia vera, spero non abbia sofferto. Saperlo solo e spaventato in fondo a quel burrone mi fa impazzire».

L'autopia. Simon Gautier sarebbe morto in seguito ad uno choc emorragico per la rottura dell'arteria femorale. È emerso dall'autopsia sul corpo del turista francese eseguita oggi nell'ospedale di Sapri (Salerno). Sono state riscontrate fratture esposte e composte ad entrambi gli arti inferiori ed il laceramento di tessuti. L'emorragia avrebbe avuto origine dalla gamba sinistra che presentava rotture dei principali vasi. Gautier, dal momento della caduta, sarebbe rimasto in vita al massimo per 45 minuti.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 21 Agosto 2019, 13:23






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Simon Gautier, la mamma: «Avevo la mappa del suo percorso, ma ci hanno avvertito 3 giorni dopo». L'autopsia: «Choc emorragico, agonia durata 45'»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2019-08-23 13:50:55
Non arrampichiamoci sugli specchi: in 45 minuti non riesci neanche ad allertare per il decollo un elisoccorso. Questa se ne esce con la mappa...Francesi!
2019-08-23 13:09:17
Probabilmente non lo hanno trovato subito perchè non hanno tante guardie forestali come in Sicilia. Subito mozione per assumere 30 mila nuovi statali!
2019-08-23 12:58:14
ma è una cosa inconcepibile che "uno" faccia migliaia di chilometri per fare una "scarpinata". capisco il piacere del nuovo, dell'imprevisto ma così, da solo ... mah!
2019-08-23 10:43:38
la mamma e' sempre la mamma!
2019-08-23 07:43:15
E. nonostante la "mappa" della mamma, c'hanno messo altri 6 giorni a trovarlo. Forse non era una mappa dettagliatissima. Una tragedia, frutto di un'infelice coincidenza tra superficialità del giovane e impreparazione dell'operatrice del 118 che non ha assolutamente saputo gestire la chiamata.