Dpcm, Conte ha firmato: testo completo con tutte le misure

Domenica 17 Maggio 2020

Luce verde per il nuovo Dpcm alla vigilia dello scatto della Fase 2 che entra nel vivo da domani 18 maggio. Il presidente del consiglio Giuseppe Conte ha firmato il provvedimento che comprende tutta la nuova normativa per uscire dalle restrizioni più dure dell'emergenza coronavirus.

IL TESTO COMPLETO

Fase2, nella notte nuovo scontro Stato-Regioni ma alla fine Conte cede e il Dpcm slitta ancora
Fase 2, cosa riapre 18 maggio, 25 maggio, 3 e 15 giugno: regole dalle palestre ai viaggi

Mascherine
«Ai fini del contenimento della diffusione» del coronavirus Sars-Cov-2, «è fatto obbligo sull'intero territorio nazionale di usare protezioni delle vie respiratorie nei luoghi al chiuso accessibili al pubblico, inclusi i mezzi di trasporto e comunque in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza». È quanto prevede all'articolo 3 il Dpcm sulle riaperture firmato oggi dal premier Giuseppe Conte. Il testo dà dunque indicazioni su come dovremo usare le mascherine nella Fase 2, di convivenza con Covid-19, e precisa anche chi è esonerato dall'indossarle. Secondo quanto previsto nell'articolo 3, non sono infatti soggetti all'obbligo di mascherina «i bambini al di sotto dei sei anni, nonché i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l'uso continuativo della mascherina ovvero i soggetti che interagiscono con i predetti».

Viaggi
«Chiunque intende fare ingresso nel territorio nazionale, tramite trasporto di linea aereo, marittimo, lacuale, ferroviario o terrestre, è tenuto», a indicare: i motivi del viaggio, l'indirizzo completo dell'abitazione o della dimora in Italia «dove sarà svolto il periodo di sorveglianza sanitaria e l'isolamento fiduciario e il mezzo di trasporto privato che verrà utilizzato per raggiungere la stessa; il recapito telefonico anche mobile presso cui ricevere le comunicazioni durante l'intero periodo di sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario». È uno dei passaggi dell'ultimo decreto che regola l'ingresso in Italia.

Piscine
«La densità di affollamento nelle aree solarium e verdi è calcolata con un indice di non meno di 7 mq di superficie di calpestio a persona. La densità di affollamento in vasca è calcolata con un indice di 7 mq di superficie di acqua a persona. Il gestore pertanto è tenuto, in ragione delle aree a disposizioni, a calcolare e a gestire le entrate dei frequentatori nell'impianto». È quanto prevedono gli allegati al Dpcm emanato oggi per quanto riguarda le norme da rispettare nelle piscine pubbliche. Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l'accesso in caso di temperatura > 37,5 °C. Si dovrà privilegiare l'accesso agli impianti tramite prenotazione e mantenere l'elenco delle presenze per un periodo di 14 giorni. Ogni impianto dovrà essere dotato di dispenser con soluzioni idroalcoliche per l'igiene delle mani dei frequentatori/clienti/ospiti in punti ben visibili all'entrata, prevedendo l'obbligo di frizionarsi le mani già in entrata. Sarà poi cura dei gestori degli impianti regolamentare la disposizione delle attrezzature (sedie a sdraio, lettino) attraverso percorsi dedicati in modo da garantire il distanziamento sociale di almeno 1,5 m tra persone non appartenenti allo stesso nucleo familiare o conviventi. Bisognerà poi assicurare «una regolare e frequente pulizia e disinfezione delle aree comuni, spogliatoi, cabine, docce, servizi igienici, cabine, attrezzature (sdraio, sedie, lettini, incluse attrezzature galleggianti, natanti etc.)». Le attrezzature «come ad es. lettini, sedie a sdraio, ombrelloni etc. vanno disinfettati ad ogni cambio di persona o nucleo famigliare. Diversamente la sanificazione deve essere garantita ad ogni fine giornata».

Bambini e attività ludiche
Dal 15 giugno «è consentito l'accesso di bambini e ragazzi a luoghi destinati allo svolgimento di attività ludiche, ricreative ed educative», «anche non formali, al chiuso o all'aria aperta», con «l'ausilio di operatori cui affidarli in custodia e con obbligo di adottare appositi protocolli di sicurezza predisposti in conformità alle linee guida del dipartimento per le politiche della famiglia di cui all'allegato 8». Lo prevede il Dpcm firmato dal premier Giuseppe Conte. Le «Regioni e le Province Autonome -si legge nel testo- possono stabilire una diversa data anticipata o posticipata a condizione che abbiano preventivamente accertato la compatibilità dello svolgimento delle suddette attività con l'andamento della situazione epidemiologica nei propri territori e che individuino i protocolli o le linee guida applicabili idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel rispetto dei principi contenuti nei protocolli o nelle linee guida nazionali».

Cortei e manifestazioni
Tutti i cortei restano vietati a data da destinarsi. È quanto prevede il Dpcm firmato dal premier Giuseppe Conte nel quale, all'articolo 1 lettera i si afferma: «lo svolgimento delle manifestazioni pubbliche è consentito soltanto in forma statica, a condizione che, nel corso di esse, siano osservate le distanze sociali prescritte e le altre misure di contenimento, nel rispetto delle prescrizioni imposte dal questore».
 

Ultimo aggiornamento: 18 Maggio, 02:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA