Nella notte più di duemila tweet con l'hashtag #complicedisalvini: anche da americani e pro-Trump

Nella notte più di duemila tweet con l'hashtag #complicedisalvini: anche da americani e pro-Trump
Nella notte 720 profili, quasi 200 dall'estero, alcuni dei quali pro-Trump, hanno diffuso su Twitter circa 2mila contenuti con l'hashtag #complicediSalvini che è rimasto in alto nelle tendenze del social network da ieri sera fino a questa mattina. A dare questi dati è Luca Alagna, esperto di marketing politico, che fa un'analisi dal suo account Twitter.

Il bombardamento di tweet, è partito dopo che l'hashtag è stato lanciato ieri sera da Luca Morisi, collaboratore di Salvini. «Mi denuncio: sono #complicediSalvini», ha scritto dopo la diretta Facebook del vicepremier che ieri ha ricevuto dalla procura di Palermo l'avviso di garanzia con l'iscrizione nel registro degli indagati per la vicenda della nave Diciotti. «Per me la questione interessante di #complicediSalvini - scrive Alagna - non sono tanto le eventuali automazioni o fake ma il fatto di lanciare un tweetstorm la sera, momento con grande audience tv e social, e ritrovarselo in cima alle tendenze la mattina dopo già pronto per influenzare l'agenda».

L'esperto di comunicazione sottolinea poi che dei 2mila contenuti circolati in queste ore sulla piattaforma, prevalentemente tra l'una di notte e le 5 del mattino, e contraddistinti da quell'hashtag, il 75% sono retweet, 300 arrivano dall'estero (l'83% sono retweet). Mentre del totale dei 720 profili da cui sono partiti, 192 sono quelli che hanno twittato dall'estero, «molti di loro dagli Usa in reazione ad un tweet di un popolare profilo pro-Trump/NRA che scrive spesso di Salvini. Non è strano o sospetto, può essere interessante dal punto di vista politico visto anche la recente alleanza con #Bannon». Tra questi c'è Alana Mastrangelo che fa parte del movimento ultraconservatore Turning Point Usa, vicino a Steve Bannon. Alagna spiega inoltre che dal suo punto di vista non c'è alcuna presenza di troll russi. «Non la definirei cyberwar ma, in ambito politico, 'computational propagandà - aggiunge ancora l'esperto - In passato l'hanno usata i progressisti/liberal, ora la destra/alt/pop mondiale la sta portando su nuovi livelli».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 8 Settembre 2018, 18:50






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Nella notte più di duemila tweet con l'hashtag #complicedisalvini: anche da americani e pro-Trump
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2018-09-09 18:33:37
Se uno delinque va a processo. Fine.
2018-09-09 13:57:48
E'n vero che e' stato avvistato il procuratore di Agrigento passeggiare vestito con una maglietta rossa?
2018-09-09 13:44:30
Non solo il sequestro dei conti e l'indagine per il caso Diciotti. Per Matteo Salvini ci sono altri guai in vista e, per paradosso, a creargli è Alfonso Bonafede, il ministro della Giustizia grillino e fervente manettaro. Per comprendere la questione bisogna riavvolgere il nastro fino al 2 febbraio 2016, quando il tribunale di Genova rinviò a giudizio alcuni consigliere ed ex consiglieri regionali, tra i quali l'attuale sottosegretario ai Trasporti, il leghista Edoardo Rixi. Il successivo 14 febbraio, nel corso di un incontro in provincia di Torino, Salvini difese il compagno di partito: "Se so che qualcuno nella Lega sbaglia sono il primo a prenderlo a calci nel culo e a sbatterlo fuori. Ma Rixi è un fratello e lo difenderò fino all'ultimo da quella schifezza che è la magistratura italiana", affermò. Parole forti, insomma, che spinsero il giorno successivo la procura di Torino ad aprire un fascicolo con l'ipotesi di vilipendio all'organo giudiziario: gli accertamenti furono affidati alla Digos di Milano. Il caso sì arenò a marzo 2016, quando il procuratore Armando Spataro chiese all'allora Guardasigilli, Andrea Orlando, la richiesta per l'autorizzazione a proseguire l'inchiesta, senza però ottenere risposta in due differenti occasioni. Dunque, Spataro ci ha riprovato all'inizio di luglio, poco dopo l'insediamento del governo gialloverde. E ora, si apprende sempre dal Fatto, gli uffici del ministero guidato da Bonafede stanno terminando le procedure, e poiché non vogliono dare l'impressione di proteggere l'alleato di governo, autorizzeranno il procedimento contro Salvini. Insomma, il vicepremier leghista finirà a processo. Con l'ok di Bonafede.
2018-09-09 13:35:17
Alla Festa dell'Unità di Bologna l'ospite d'eccezione era Maria Elena Boschi, la quale ha dedicato la maggior parte del suo intervento all'attacco forsennato di Matteo Salvini. E lo ha fatto con parole grossissime, a tratti lunari. In primis ha affermato che "il vicepremier Salvini accusa i magistrati e velatamente li minaccia, chiedendogli di occuparsi del crollo del ponte di Genova". E già si stenta a comprendere dove stia la minaccia. Ma tant'è, la Boschi aggiunge: "Vuole fare la vittima anche per quel che riguarda l'indagine a suo carico per il caso della Diciotti". Ma il passaggio più spiazzante della stellina cadente del Pd, come mostra il servizio di Stasera Italia, arriva poco dopo. "Ormai Salvini tutte le volte che deve nascondere i suoi problemi e la sua incapacità di fare il ministro dell'Interno scarica la responsabilità sul Pd. Però - sottolinea - più passa il tempo, più gli italiani si stanno rendendo conto che si tratta di un modo per sviare dal problema vero, il fatto che è indagato dalla magistratura". Come detto, parole spiazzanti. Non tanto per il giudizio sull'operato del ministro, quantomeno per il fatto che, secondo la Boschi, gli italiani starebbero capendo con chi hanno a che fare: si riferisce alla continua ascesa nei sondaggi e alla popolarità sempre crescente del leghista? Difficile ipotizzarlo...
2018-09-09 11:23:54
La verita' ormai e' l'affermazione piu' riconosciuta nei social...infatti ad occhio secondo cio' che appare..e' il Sole che gira attorno alla Terra, ed e ' vero se il movimento si misura prendendo riferimenti che stanno sulla Terra. A furia di citare e ripetere, finisce che un tunnel sotterraneo misterioso dalla Svizzera, laboratori Cern ,al laboratorio del Gran Sssso esiste...nel mondo delle informazioni rilanciate e ripetute.Lo ga dito la ministra...per prima.