Ristoratore in coma dopo la lite nel traffico: arrestato ex pugile

PER APPROFONDIRE: arrestato, coma, francavilla, pugile, ristoratore
Ristoratore in coma dopo la lite nel traffico: arrestato ex pugile

di Monica Di Pillo

E’ stato arrestato ieri mattina Sandro Mangifesta, 43 anni di Ortona, consulente finanziario e insegnante di boxe ai ragazzini, che si trova ai domiciliari con l’accusa di lesioni gravissime, dopo aver picchiato il 25 ottobre il ristoratore di Francavilla, Antonio Cicalini, ricoverato in gravi condizioni in rianimazione all’ospedale di Popoli. La svolta alle indagini è arrivata anche a seguito delle testimonianze raccolte dai carabinieri di Francavilla. L’appello dei familiari di Cicalini a fornire notizie utili all’inchiesta, oltretutto ancora valido, ha prodotto dei risultati concreti ai fini dell’inchiesta, che ieri ha portato agli arresti domiciliari l’istruttore di pugilato, su richiesta del Pm Giancarlo Ciani e su convalida del Gip Luca De Ninis, che ne ha riconosciuto la pericolosità e la possibilità di reiterazione di reati contro la persona.

Secondo la ricostruzione dei fatti, Sandro Mangifesta il 25 ottobre era al volante della sua Smart quando si è trovato davanti il furgoncino guidato da Antonio Cicalini, che aveva appena finito il turno al suo ristorante. L’istruttore di pugilato avrebbe più volte tentato di sorpassarlo lungo la centralissima via Aldo Moro, fino a riuscire nel suo intento lungo il ponte dell’Alento, strada a doppio senso di marcia. A quel punto il semaforo rosso, avrebbe fatto andare su tutte le furie Mangifesta, che una volta sceso dalla macchina avrebbe preso a pugni e calci il ristoratore, ora in coma farmacologico e in grave pericolo di vita.

Anche ieri il pugile ha cercato di difendersi asserendo di aver colpito con un pugno Cicalini. Tuttavia stando a quanto dimostrano i referti medici, il ristoratore avrebbe riportato numerose lesioni in più punti del volto, tanto che rischia un occhio e ha perso tutti i denti, e numerose emorragie frutto di più colpi alla testa, difficilmente compatibili come effetto di un solo colpo. «Tutte le lesioni riportate da Cicalini al volto e alla testa - spiegano i legali della famiglia, Angelo Pettinella e Carla Tiboni - non sono il frutto di un solo pugno. Purtroppo a confermarlo sono i referti medici e le gravi condizioni in cui versa Cicalini». Sul punto si farà luce in sede di processo e gli avvocati Angelo Pettinella e Carla Tiboni, precisano: «A nome dei familiari del ristoratore vogliamo ringraziare i carabinieri e gli inquirenti per l’impegno profuso nelle indagini. Vogliamo ribadire la piena fiducia dei familiari nell’operato della magistratura». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 10 Novembre 2019, 09:35






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ristoratore in coma dopo la lite nel traffico: arrestato ex pugile
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-11-10 14:40:48
Santo subito
2019-11-10 12:22:50
Cocaina!