Papa Francesco, omaggio al prete sgozzato dall'Isis a Rouen: «Padre Jacques è martire e beato»

PER APPROFONDIRE: isis, jacques hamel, papa francesco
Papa Francesco, omaggio al prete sgozzato dall'Isis a Rouen: «Padre Jacques è martire e beato»

di Franca Giansoldati

Città del Vaticano - Il colore delle vesti liturgiche del Papa stamattina alla messa di Santa Marta erano rosse. Rosse come il colore del martirio subito da padre Jacques Hamel, il sacerdote di Rouen sgozzato da un miliziano dell'Isis il 26 luglio davanti all'altare al grido di Allah-u-akbar. “Uccidere nel nome di Dio è satanico!» Seduti ai primi banchi della cappella i familiari del sacerdote arrivati dalla Francia assieme ad un gruppo di fedeli e al vescovo di Rouen, Dominique Lebrun. Sull'altare, appoggiata a due ceri, c'era la foto dell'anziano sacerdote. Nella breve omelia, tradotta in francese da un sacerdote, Bergoglio ha ripercorso le tappe del martirio, la bontà di padre Jacques, la sua forza d'animo ad affrontare gli ultimi istanti senza rinnegare la fede, il coraggio nell'apostrofare il suo assassino: “Vattene Satana”.

Il Papa lo ripete: “Si tratta di un'opera satanica. Quanto piacerebbe se tutte le confessioni religiose dicessero: uccidere nel nome di Dio è satanico.Padre Jacques Hamel è stato sgozzato sull'altare, proprio mentre celebrava il sacrificio della croce di Cristo. Uomo buono, mite, di fratellanza, che sempre cercava di fare la pace, è stato assassinato come se fosse un criminale. Questo è il filo satanico della persecuzione. Quest'uomo ha accettato il suo martirio con Cristo sull'altare. Mi fa pensare tanto il fatto che nel momento difficile che viveva, la tragedia che vedeva venire, quest'uomo buono non ha perso la lucidità di accusare e dire chiaramente il nome di questo assassino. Ha detto chiaramente: "Vattene Satana!". Ha dato la vita per noi, per non rinnegare Gesù. Ha dato la vita nello stesso sacrificio di Gesù sull'altare. E da lì ha accusato l'autore della persecuzione, vattene Satana!».

«Questo esempio di coraggio, ma anche di martirio della propria vita, di svuotarsi di se stesso per aiutare gli altri e fare fratellanza - ha concluso il Papa - aiuti tutti noi ad andare avanti senza paura. Dobbiamo pregarlo, è un martire e i martiri sono beati».

Francesco ha poi parlato del mistero della Croce. «Questo è un mistero che si fa martirio per la salvezza degli uomini. Gesù Cristo primo martire, primo che dà la vita per noi, e da questo mistero di Cristo incomincia tutta la storia del martirio cristiano, dai primi secoli fino ad oggi. Anche oggi nella Chiesa ci sono più martiri cristiani dei primi tempi. Oggi ci sono cristiani assassinati, torturati, carcerati, sgozzati, perché non rinnegano Gesù Cristo. In questa storia arriviamo fino al nostro padre Jaques. Lui fa parte di questa catena di martiri, cristiani che oggi soffrono il carcere o la morte o le torture per non rinnegare Gesù Cristo e fanno vedere proprio la crudeltà di questa persecuzione».

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 14 Settembre 2016, 10:11






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Papa Francesco, omaggio al prete sgozzato dall'Isis a Rouen: «Padre Jacques è martire e beato»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2016-09-15 17:12:43
Per Binariciuto. Il fatto che quache Papa abbia chiesto perdono per le nefandezze commesse dalla Chiesa poco interessa al citato Satana. Per il resto non posso pronunciarmi per totale mancanza di elementi da lei forniti. Tuttavia le consiglio di leggere un interessante libro scritto a due mani da Corrado Augias e Remo Cacciti (uno dei piu' autorevoli storici italiani sull'argomento) dal titolo ''Inchiesta sul Cristanesimo". Trovera' argomenti che normalmente il parroco non tratta quasi mai, perche' . . . ''pochi sono in grado di capire'', i molti, infatti, sono le famose ''pecorelle'' del buon Pastore.
2016-09-15 09:27:07
la storia ha dei cicli (corsi e ricorsi) cambiano i protagonisti ma i fatti si ripetono: qui sembra il "reenacting" dei "secoli bui e dell'inquisizione" , solo con l'aggravante che qualcuno questa la chiama cultura.
2016-09-14 20:22:31
Per pinopin. Per quanto riguarda il male che la Chiesa ha fatto nel passato, esso è stato riconosciuto ampiamente e in più occasioni, per il resto non mi pronuncio perché scarsamente logico nella sua formazione.
2016-09-14 18:35:41
P.F. ha ragione quando dice che ''Uccidere nel nome di Dio e' satanico'', pero' non ricorda che ''Gia' durante l'Impero Romano, appena ammesso ufficialmente il culto cristiano con decreto imperiale del 315, si comincio' a demolire i luoghi del culto pagano e a sopprimere i sacerdoti pagani . . . Tra il 315 e il sesto secolo furono perseguitati ed eliminati un numero incalcolabile di fedeli pagani . . '' Il resto del lungo elenco si trova nell'articolo dal titolo: ''Vittime della fede cristiana | UAAR'', facilmente rintracciabile. Si e' sempre ammazzato in nome di Dio e Dio stesso con il Diluvio Universale, cosi almeno si legge, stermino' l'umanita' eccetto un pugno di ''meritevoli'', i cui discendenti, stranamente, continuarono e continuano ad uccidere per i piu' svariati motivi e anche in nome di quel Dio. Misteri della Fede e di Satana.
2016-09-14 17:01:10
Toh...era un po' che non si sentiva l'ossessiva presenza mediatica del papa argentino. Ed ecco che lui puntuale puntuale si fa vivo.