Giovedì 25 Aprile 2019, 17:44

Turni di lavoro, vigili in rivolta. Il comandante: «Chi porta la divisa non fa l'impiegato»

PER APPROFONDIRE: fontolan, padova, vigili urbani
Il sindaco Giordani e il comandante Fontolan

di Gabriele Pipia

PADOVA - Ottobre 1997, Comando della Polizia locale di Padova. Un giovane Lorenzo Fontolan, agente appena assunto, viene subito catechizzato dai propri superiori: «Questo non è un mestiere come gli altri. Chi indossa la divisa deve abituarsi a lavorare quando gli altri non lavorano». Ventidue anni dopo su quella stessa divisa Lorenzo Fontolan porta i gradi del comandante e ora rispolvera questo aneddoto per lanciare un chiaro messaggio ai vigili in rivolta: «Il cambiamento costa fatica, ma è necessario: il sabato dobbiamo garantire più presenza, lo chiede la città». Fontolan sta conducendo assieme al sindaco la delicata trattativa con le parti sindacali, che fanno muro di fronte all’ipotesi di tornare a lavorare sei giorni alla settimana. 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Turni di lavoro, vigili in rivolta. Il comandante: «Chi porta la divisa non fa l'impiegato»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 7 commenti presenti
2019-04-26 09:57:07
I primi a conoscere orari e giorni di ferie sono i portati ad imprese delinquenziali o ai limiti de legale..Per controllare gli occupanti di un apprtamento..vedo un solo Vigile Urbano che deve tornare piu' volte , e li becca solo di Domenica od in ore ..."fuori orario di servizio ".Anche palesi violazioni del decoro pubblico, avvengono furbescamente, tipo lancio di sacchi di immondizia da strade sopraelevate nella campagna circostante, vandalismi a monumenti, cani sguinzagliati privi di microchip....Anche se si collocano telecamere in quantita' crescente,occorre poi qualcuno che sbobina.Magari un civile part time .
2019-04-26 09:56:52
Esatto, BRAVO