Mercoledì 27 Marzo 2019, 08:58

Processo per truffa, l'Inps chiede 90.000 euro, ma è cieco sul serio

PER APPROFONDIRE: cieco, inps, processo, truffa
foto repertorio

di Gianluca Amadori

VENEZIA - Era accusato di aver truffato l'Inps, fingendosi cieco assoluto per incassare l'indennità di accompagnamento, per un ammontare totale di 70 mila euro, ricevuti tra il 2009 e il 2016. Ma, a conclusione di due anni di sofferenze, un settantaquattrenne di Castello è stato assolto perché il fatto non sussiste. Il pubblico ministero Stefano Buccini si era battuto per la sua condanna a due anni di carcere. La sentenza è stata emessa ieri mattina dal giudice Fabio Moretti, a conclusione di un processo...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Processo per truffa, l'Inps chiede 90.000 euro, ma è cieco sul serio
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2019-03-27 13:50:17
Probabilmente il protagonista di questa storia sara' stato oggetto di lunghi pedinamenti e inchieste con filmati e "prove" varie che spesso vediamo in TV. Tutti ad indignarsi e a invocare la forca per i falsi invalidi, poi in tribunale ...
2019-03-27 11:04:00
ma prima di fare un processo non era opportuno fare delle visite "seriamente"? il PM indicato nell'articolo ha mai visto, incontrato, verificato di persona quanto affermato dall'inps? ed adesso nessuno paga il tempo perso in tribunale costato ai contribuenti?
2019-03-27 15:11:44
il PM non e' un medico, per questo esistono i periti di parte, del tribunale, ecc. Nel caso di specie non e' cosi' semplice e scontato verificare la cecita', tante' che il piu' delle volte l'accertamento della truffa avviene pedinando il presunto furfante, scrutandone le attivita' e i comportamenti non compatibili con lo stato di cecita'.
2019-03-27 19:18:11
un ragazzo con malattia genetica invalidante al 300% ed il perito ha detto che si poteva benissimo arrangiare, era autosufficiente. il giudice il ragazzo non lo ha mai visto però ha condannato inps ed agenzia delle entrate. solo perchè esiste già una sentenza che dice che con quella malformazione non puoi essere anche minimamente autosufficiente. sentenza confermata nei successivi appelli. questo per dire quel che vale il perito di parte del giudice. il quale poi con faccia tosta ha pure inviato ai genitori del disabile il conto della sua perizia quando il giudice aveva condannato a pagare in toto i due sunnominati enti.
2019-03-28 11:16:33
e' solo perche' il PM non ha nocumento di perorare cause perse. e l'inps neppure. tanto paghiamo sempre noi cittadini con le tasse