Lunedì 14 Gennaio 2019, 08:47

Il figlio del macellaio ucciso da Battisti: «Ho atteso 40 anni, sia fatta giustizia»

Lino Sabbadin

di Angela Pederiva

ANTA MARIA DI SALA (VENEZIA) - Ha trascorso 14.576 giorni, e altrettante notti, confidando che prima o poi sarebbe accaduto e temendo che non sarebbe avvenuto più. Finché succede davvero, una domenica mattina, quando il negozio di famiglia è chiuso e il telefonino inizia a squillare insolitamente presto: i messaggi degli amici che hanno sentito il giornale radio, le telefonate dei cronisti che chiedono una dichiarazione. Così la notizia della cattura in Bolivia di Cesare Battisti piomba a Caltana, frazione di Santa Maria di Sala, dove il macellaio del paese tuttora vive come quand'era un 17enne che vide morire suo papà Lino sotto i colpi di un commando dei Proletari armati per il comunismo.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il figlio del macellaio ucciso da Battisti: «Ho atteso 40 anni, sia fatta giustizia»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2019-01-14 09:54:21
carcere a vita per gli assassigni
2019-01-14 14:30:46
sembra una frase dei "ben.al.tristi" quelli che a fronte di qualsiasi fatto dicono "Ma ci sarebbe ben altro, ci sono cose mooolto piu' importanti" esempio pratico certi "sindaci" che hanno le citta' sommerse dai rifiuti, con buche nelle strade, case occupate da abusivi e altri problemini "di loro pertinenza" E che fanno? viaggi all'estero, meeting, e si preoccupano di "accogliere clandestini a piu' non posso" insomma tutto cio' per cui .... non sono stati votati..."Vedi Napoli e poi paga" o "cosa vuoi di piu' dalla vita? un Lucano"
2019-01-14 17:13:04
Dopo 40anni di che giustizia parliamo? Almeno dateli il 41 Bis.
2019-01-14 16:33:49
Tipico di persone prevenute e superficiali, se si esprime un pensiero non in linea con l'ipocrisia dilagante allora si è complottisti. Pieno rispetto per i familiari delle vittime, ma appunto per quello non sopporto strumentalizzazioni di una vicenda che merita, appunto, d'essere trattata per quella che è: l'arresto di Battisti lo si deve a Bolsonaro e non a Salvini. Personalmente, ho trovato ridicolo impegnare una ventina di poliziotti, al momento dell'arresto, per accompagnare fuori dall'aereo UNA persona. Adesso tutti a chiedersi se avrà l'ergastolo o 30 anni: considerata l'età anagrafica, ritengo che nel caso suo non faccia molta differenza.
2019-01-14 13:28:10
A me, che sono praticamente coetanea di Battisti, spiace che la conclusione da decenni sospirata di una dolorosa vicenda possa servire da paravento per far sì che l'attenzione dell'opinione pubblica non si focalizzi su provvedimenti disastrosi quali reddito di cittadinanza e quota cento che sembrano essere arrivati in dirittura di partenza e i cui effetti deleteri si faranno sentire fra qualche mese.