Orban sfida l'Ue: «Non cedo ai ricatti, frontiere chiuse»

PER APPROFONDIRE: m5s, matteo salvini, orban, vitkor orbàn
Orban sfida l'Ue: «Non cedo ai ricatti, frontiere chiuse»
Duro, anzi durissimo. Il premier ungherese Viktor Orban non arretra di un millimetro e sfida apertamente l'Europa che lo processa a Strasburgo, dove domani l'Europarlamento voterà sulle sanzioni al suo Paese per violazioni sullo stato di diritto. In un emiciclo pieno a metà, il premier sovranista, leader del fronte di Visegrad anti-migranti, ha tirato dritto per la sua strada, parlando di «patria», «nazione», «difesa dei confini» e respingendo «minacce» e «ricatti» da quell'Unione che ha accusato di «non capire» l'Ungheria, che «da mille anni è membro della famiglia europea». 

LEGGI ANCHE L'analisi/ Ue, c’erano una volta le “grandi famiglie” dei partiti

Nessuno sconto, nessun ammiccamento. Il Parlamento ha ascoltato in silenzio, attonito e sconcertato. Destre a parte ovviamente, che invece lo hanno osannato. Imbarazzo tra le fila dei Popolari, il più grande gruppo dell'Eurocamera che si è spaccato in due tronconi e che domani probabilmente voterà in libertà. Di fronte al pugno duro di Orban, Manfred Weber, il capo del gruppo popolare cui appartiene anche il leader ungherese, si è trovato costretto a ricalibrare la linea aperturista seguita nei giorni scorsi, annunciando che «se da parte di Budapest non ci sarà la disponibilità a risolvere tutti i problemi, si farà scattare l'articolo 7.1» del Trattato sull'Unione europea. Ovvero le sanzioni, che potrebbero arrivare anche alla sospensione del diritto di voto dell'Ungheria nel Consiglio Ue. 




Proprio il Ppe è la grande incognita che pesa sull'esito del voto. Socialisti e liberali sono schierati per il via libera alle misure punitive, il gruppo dei sovranisti ed euroscettici, cui fa parte la Lega di Matteo Salvini, voterà contro. In una scelta dai riflessi politici importanti per il governo italiano, i Cinque Stelle condanneranno Orban, mentre Forza Italia voterà con il Carroccio, ricompattando il centrodestra. Ma scelte e dialettiche politiche a parte, il vero protagonista di oggi è stato il premier magiaro. «Voi vi siete già fatti un'idea su questa relazione, e il mio intervento non vi farà cambiare opinione ma sono venuto lo stesso», ha sfidato gli eurodeputati in aula. Poi l'affondo, quando ha annunciato che sui migranti andrà avanti «anche senza» l'Europa, «se necessario». Budapest, ha avvertito, «non accetterà minacce e ricatti delle forze pro-immigrazione». Nessun passo indietro dunque sulla «difesa delle frontiere» e lo «stop ai clandestini». «Ho accettato compromessi» sul sistema giudiziario e elettorale, ma «questa relazione, che contiene 37 errori, vuole buttare tutto alle ortiche», ha insistito Orban, puntando l'indice contro chi vuole dare un «colpo grave al dialogo costruttivo».

Accuse rispedite al mittente dal vicepresidente della Commissione Frans Timmermans, che replicando al suo discorso gli ha dato del «codardo», precisando che le critiche al governo di Budapest non sono dirette agli ungheresi. «Se credete in queste leggi, fatevene carico e poi ne parliamo. Perché altrimenti è una cosa da codardi», ha detto Timmermans. Un'ondata di commenti ha seguito l'intervento del premier ungherese, da Sassoli del Pd che ha definito il suo discorso «incompatibile con i valori europei», puntando l'accento sulle fratture Lega-M5S, ai Verdi, di cui fa parte la relatrice del rapporto, Judith Sargentini, che ha parlato di situazione peggiorata in Ungheria per i media, il settore accademico, la magistratura e le ong. Tra i banchi della Lega si è levata la voce della capogruppo Mara Bizzotto che ha definito Orban «un eroe, perché lotta per la libertà e la sovranità del proprio popolo contro questa Unione Sovietica Europea». Un assist colto al volo dallo stesso Orban, che in conferenza stampa con i giornalisti a Strasburgo ha lodato «il coraggio» del governo italiano sui migranti e incensato l'alleato Salvini: «È molto deciso e risoluto a proteggere le frontiere, io lo appoggio al 100%». La sfida tra populisti e europeisti in vista delle cruciali elezioni dell'anno prossimo è lanciata.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 11 Settembre 2018, 15:36






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Orban sfida l'Ue: «Non cedo ai ricatti, frontiere chiuse»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 23 commenti presenti
2018-09-12 08:47:17
Senza il ricatto dell'euro, sono liberi di fare quello che il loro popolo vuole. Avanti con la democrazia e fermiamo la dittatura dell'unione europea.
2018-09-12 00:00:59
Che l’Europa non sia quella immaginata dai padri fondatori è una realtà ma, l’Ungheria senza Europa cosa sarebbe
2018-09-11 22:22:50
Io non sono né favorevole né contrario alle scelte politiche dell’Unione Europea e del Presidente dell’Ungheria, il Sig. Viktor Orban. Quello che sta facendo l’Unione Europea a mio giudizio è una forzatura che crea solo tensione e contrasti nel Parlamento europeo. Io avrei aspetto le elezioni europee della prossima primavera dalle quali si dovrebbe capire se la maggioranza dei Cittadini sono favorevoli o contrari alla linea politica fin qui tenuta da Bruxelles. Si lasci ai Cittadini dell’Unione Europea decidere il proprio futuro attraverso il voto popolare.
2018-09-11 22:01:51
Ma chi vuoi che voglia andare in Ungheria.
2018-09-11 21:33:18
... "difesa delle frontiere anche contro di voi se sarà necessario ".. non parole ma l'urlo di un popolo libero che tale vuole rimanere. un inno al coraggio. monumento alla dignità. altare d'onore.. da incidere nella roccia. da custodire nel cuore come seme prezioso di un albero in via d'estinzione..