Aquarius, scontro tra Italia e Malta. Di Maio: «Ue sia solidale, siamo soli»

PER APPROFONDIRE: matteo salvini, migranti, ong, salvini
Migranti, Salvini chiude i porti: «Nave Aquarius attracchi a Malta». La Valletta: «Non ci compete»
Svolta del vicepremier Matteo Salvini sulla questione migranti. «Da oggi anche l'Italia comincia a dire NO», dice il ministro dell'Interno che ha annunciato di essere pronto a chiudere i porti italiani se Malta non permetterà l'approdo sulle proprie coste della nave Aquarius, in rotta versa l'Europa con oltre 600 persone a bordo. Dall'isola-Stato, però, arriva un netto no: «Il governo di Malta non è né l'autorità che coordina ne ha competenza sul caso», ha detto un portavoce del governo della Valletta citato dal quotidiano Malta Today.
 
Lo stop di Salvini. La Acquarius si sta dirigendo verso l'Europa dopo un salvataggio avvenuto ieri notte e ha chiesto di essere autorizzata all'attracco. La nave proveniente dal Nord Africa batte bandiera di Gibilterra e trasporta circa 629 persone. Stando a quanto Salvini ha dichiarato anche in una lettera inviata alle aurotirà maltesi, se l'isola-Stato non le permetterà di attraccare scatterà lo stop voluto dal vicepremier leghista e all'imbarcazione non sarà permesso di approdare in Italia. Una misura, quella della chiusura dei porti, che sarebbe senza precedenti.

«Da oggi anche l'Italia comincia a dire NO al traffico di esseri umani, NO al business dell'immigrazione clandestina. Il mio obiettivo è garantire una vita serena a questi ragazzi in Africa e ai nostri figli in Italia», scrive Salvini su Facebook. «Nel Mediterraneo ci sono navi con bandiera di Olanda, Spagna, Gibilterra e Gran Bretagna, ci sono Ong tedesche e spagnole, c'è Malta che non accoglie nessuno, c'è la Francia che respinge alla frontiera, c'è la Spagna che difende i suoi confini con le armi, insomma tutta l'Europa che si fa gli affari suoi. Da oggi anche l'Italia comincia a dire NO al traffico di esseri umani, NO al business dell'immigrazione clandestina».

Poi arriva anche un comunicato di Salvini insieme al ministro delle Infrastrutture Toninelli: Malta «non può continuare a voltarsi dall'altra parte quando si tratta di rispettare precise convenzioni internazionali in materia di salvaguardia della vita umana e di cooperazione tra Stati. Il Mediterraneo è il mare di tutti i Paesi che vi si affacciano e non si può immaginare che l'Italia continui ad affrontare questo fenomeno gigantesco in solitudine. Ecco perché chiediamo al governo di La Valletta di accogliere la Aquarius per un primo soccorso ai migranti a bordo. Noi continueremo a salvare vite umane, altri restano nel torto».



La replica della Valletta. Malta, nel motivare il suo rifiuto, spiega che il salvataggio dei migranti ora a bordo dell'Aquarius «è avvenuto nella zona libica di ricerca e soccorso ed è stato coordinato dal centro di soccorso a Roma». Il Times of Malta, da parte sua, scrive che i salvataggi sarebbero stati fatti soprattutto da navi della marina italiana in acque vicine alla Tunisia e «più vicine a Lampedusa che a Malta». Il governo maltese, dicono fonti vicine all'esecutivo stesso, «non ha ancora ricevuto» la lettera che sarebbe stata inviata da Salvini. 
 
La posizione della nave. «L'Aquarius si dirige verso nord, seguendo le istruzioni ricevute dopo i soccorsi e i trasbordi operati la scorsa notte sotto il coordinamento del MRCC di Roma. L' Aquarius è nell'attesa di istruzioni definitive per quanto riguarda il porto di sbarco (port of safety)». Lo scrive, in un post delle 18.33 su Facebook, Sos Mediterranee Italia. «Abbiamo preso nota - prosegue il post - della dichiarazione del ministro dell'Interno italiano ai media italiani. Il nostro unico obiettivo è lo sbarco in un porto sicuro delle persone che abbiamo soccorso ieri in condizioni difficili. Prendiamo atto inoltre che le autorità SAR maltesi sono state contattate dalle autorità SAR italiane - conclude il post - al fine di trovare la soluzione migliore per il benessere e la sicurezza delle 629 persone che si trovano ora a bordo dell'Aquarius».

LA MAPPA INTERATTIVA Aquarius, dov'è la nave migranti: la rotta in tempo reale


L'Unhcr. «Oltre 750 morti nel Mediterraneo nel 2018: il salvataggio di vite in mare deve restare una priorità assoluta di ogni governo», chiede Carlotta Sami, la portavoce dell'Unchr per i rifugiati per il sud Europa dopo aver appreso della lettera di Salvini.

Medici senza frontiere. Medici senza frontiere «teme che ancora una volta la politica degli stati europei sia posta al di sopra delle vite delle persone. La priorità deve essere la sicurezza e il benessere di chi è a bordo». È quanto scrive Msf, il cui personale si trova sulla nave Aquarius, dopo aver ricordato che «l'Italia ha chiesto alla Guardia Costiera di Malta di poter sbarcare a Malta tutte le persone soccorse» e che il ministro Salvini ha dichiarato la chiusura dei porti italiani se Malta dovesse rifiutare lo sbarco.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 10 Giugno 2018, 16:05






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Aquarius, scontro tra Italia e Malta. Di Maio: «Ue sia solidale, siamo soli»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 61 commenti presenti
2018-06-11 08:04:42
L'ITALIA AL VOTO. TRAFFICO DI ESSERI UMANI E SCHIAVIZZAZIONE DEGLI ITALIANI FINO ALLO STERMINIO DA PARTE DELLO STATO ITALIANO E DALLA COMUNITA’ EUROPEA. Se a partire da 35€ al giorno è la spesa per mantenere un diversamente regolare in Italia cure comprese senza che questi producano reddito (lavorino) e naturalmente con i soldi degli italiani; quanto costa un italiano mantenuto dallo Stato italiano e dai diversamente regolari? Se per ipotesi, quegli accordi e trattative che fanno con i loro paesi di origine per prendere in giro gli italiani, non è invece che si tratti di scambi commerciali tipo: Petrolio, minerali preziosi, armi, denaro, droga, prostituzione in cambio di esseri umani? Ricordate un discorso fatto da un rappresentante istituzionale? Eccolo descritto: “ Nell’era globale tutto si muove. Si muovono i capitali. Si muovono le merci. Si muovono le notizie. Si muovono gli essere umani. E non solo per turismo. E i migranti oggi sono l’elemento umano. L’avanguardia di questa globalizzazione. E ci offrono uno stile di vita che … presto sarà uno stile molto diffuso per molti di noi. Loro sono l’avanguardia di quello … dello stile di vita… che presto sarà uno stile di vita per moltissimi di noi…”. Mentre gli italiani faticano ad arrivare a fine mese , le Istituzioni non sanno , o meglio ci vogliono far credere che per rimandarli indietro da dove sono partiti, bisogna fare accordi con i loro stati. Queste sono menzogne! Le Istituzioni stanno raggirando gli italiani. Gli italiani sono esasperati e indotti in schiavitù. Il sistema che sta adottando lo Stato, si chiama le nuova schiavizzazione. Gli italiani sono costretti a lavorare per pagare tasse fino alla morte con una piccola percentuale di sopravvivenza. Se non riesci a pagare le tasse, ti seviziano costringendoti a pagare il doppio, in caso contrario, ti sequestrano tutto e ti buttano in mezzo ad una strada. Se invece stai abbastanza bene e raggiungi la pensione, allora lo Stato italiano, con le loro leggi, favoreggia i criminali a rubarti i beni materiali con la forza fisica anche abbattendoti. Se tenti di difenderti, ti fa pagare le spese processuali, inoltre dover risarcire il delinquente. Ci stanno schiavizzando e sterilizzando con la tassazione, impossibilitati di procreare figli per l’alto costo per sostenere le spese dei figli. Nello stesso tempo, lo Stato sta sostituendo gli italiani con diversamente regolari tramite i falsi benefattori (traditori degli italiani), con il coinvolgimento anche della Chiesa. Gli italiani sono indotti in schiavitù e all’estinzione. Si sta ripetendo la storia dello sterminio del periodo trascorso tra il 1939 al 1945 agli Ebrei, in questo caso in stile moderno e sul popolo italiano con il sistema della coercizione. Volete contribuire a questo traffico oppure no? Votate con pollice alto per fermare il traffico di esseri umani e pollice verso il basso per aderire al traffico di esseri umani.
2018-06-11 07:38:02
l'Italia non e' il villaggio vacanze dell'Africa
2018-06-11 06:59:50
Si vede che il solito comunista è andato al mare, dove sono i bislake?
2018-06-11 06:33:40
Ma le spese, che non son brustolini, sostenute da queste navi (sempre le stesse) che stazionano e fanno da taxi chi le paga? questi non son soccorsi volontari non è la nave più vicina da dove è partito l'S.O.S o che hanno incrociato dei naufraghi sulla loro rotta commerciale...fanno solo questo da anni PAGATI DA CHI?...se proprio poi andiamo fino in fondo "Nel Mediterraneo ci sono navi con bandiera di Olanda, Spagna, Gibilterra e Gran Bretagna, ci sono Ong tedesche e spagnole" le navi non italiane pertanto sono su stato straniero... se son così "altruisti" se li portino nel loro paese di bandiera.
2018-06-11 05:47:23
Evidentemente a medici senza frontiere interessa spremere come un limone prima l’italia e poi l’europa. La nave in questione doveva portare le persone soccorse nel porto più vicino cosa che a vario titolo non ha fatto. Se poi ad indicare il porto italiano è stata la sar italiana va denunciata per alto tradimento.