In auto a Venezia, inavvicinabile. L'esperto: sospetta encefalite virale

PER APPROFONDIRE: auto, encefalite, isolamento, venezia, virus
In auto a Venezia, inavvicinabile  L'esperto: sospetta encefalite virale

di Alvise Sperandio

VENEZIA - È ancora in isolamento e la prognosi è riservata. Il mestrino che due giorni fa è arrivato con l'automobile fino ai piedi del ponte di Calatrava. Nemmeno i parenti possono avvicinarsi, i medici che lo stanno curando hanno disposto un periodo di osservazione di 48/72 ore, in attesa che gli esami dicano quale virus lo ha colpito in grado di provocargli la febbre cerebrale che lo ha ottenebrato. Potrebbe essere un'encefalite virale e questo spiegherebbe gli strani comportamenti dell'uomo dato che la malattia può provocare perdita di memoria, cambiamenti del comportamento o della personalità, epilessia e mancanza di coordinazione muscolare.
 


«Un'encefalite virale può provocare quel che è successo a questa persona: uno stato confusionale per cui non si rende conto di percorrere una strada contromano e persino di arrivare a credere di essere in un luogo diverso da quello in cui effettivamente si trovava». Giorgio Palù, professore ordinario di Virologia della facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Padova e presidente della Società europea e italiana di Virologia, pur non conoscendo personalmente il caso clinico, spiega che c'è compatibilità tra la malattia che ha colpito l'uomo e il fatto che sia arrivato con l'auto addirittura davanti all'imbarcadero di piazzale Roma senza accorgersene...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 13 Gennaio 2018, 09:30






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
In auto a Venezia, inavvicinabile. L'esperto: sospetta encefalite virale
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2018-01-13 11:30:13
Lei ha visto la cartella clinica per essere così sicuro? Se no, limiti i suoi commenti, per favore. Grazie. Altrimenti comincio a sospettare che la malattia sia partita dalle montagne bellunesi.
2018-01-13 18:11:48
Il punto non è tanto la malattia del ragazzo a cui auguro di guarire al più presto, ma il fatto che per arrivare là può passare solo per un varco, tra l'altro esclusivo per bus e taxi e in teoria presidiato dai vigili. Il piano sicurezza è naufragato...ditelo pure al zelante assessore boraso
2018-01-13 16:57:31
I vigili sono arrivati ben 5 minuti dopo solo perche' avvisati dai cittadini. Una figura da babbei, ma non c'era da meravigliarsi. la meraviglia dei 70 vigili assunti da Brugnaro. Si, come no, a "Chi l'ha visto".
2018-01-13 10:51:32
ma allora tutti quelli che sono venuti in contatto con questo tipo sono a rischio.
2018-01-13 19:09:29
"È ancora in isolamento e la prognosi è riservata. Il mestrino che due giorni fa è arrivato con l'automobile fino ai piedi del ponte di Calatrava. Nemmeno i parenti possono avvicinarsi, i medici che lo stanno curando hanno disposto un periodo di osservazione di 48/72 ore, in attesa che gli esami dicano quale virus lo ha colpito in grado di provocargli la febbre cerebrale che lo ha ottenebrato." E' scritto chiaro all'inizio dell'articolo. Ma sapete leggere? A questo punto ho i miei dubbi. Ah, dimenticavo: nel cartaceo (o nell'edizione digitale - a pagamento) c'è l'articolo completo. Così, per promemoria... Quindi, la situazione clinica dell'automobilista non è proprio una "barzelletta", o tutti gli esperti in medicina che sanno come VERAMENTE sta il paziente sono qui a postare? Poi il problema della sorveglianza a Piazzale Roma è un altro discorso...