Notre Dame, ipotesi cortocircuito o mozzicone di sigaretta. Cinque anni per ricostruirla

PER APPROFONDIRE: incendio, notre dame, ricostruzione
Notre Dame, ipotesi cortocircuito o mozzicone di sigaretta. Cinque anni per ricostruirla
Sarà un'impresa ricostruire Notre-Dame in 5 anni, ma il progetto è stato varato come «realizzabile» da esperti e ministri riuniti all'Eliseo. Era stato Emmanuel Macron a dettare i tempi ieri sera per quello che viene da molti definito come un exploit ancora prima di cominciare. Il governo è attivissimo, ha lanciato un concorso internazionale per la ricostruzione della guglia crollata. La maxicolletta ha raccolto in due giorni un miliardo di euro, cifra tanto più preziosa in quanto la cattedrale, di proprietà dello Stato, non era assicurata.

Notre-Dame, si muove anche il mondo dei videogiochi: Ubisoft regala Assassin’s Creed Unity
Notre Dame, Di Battista: «Tanti fondi per la chiesa. E per la Libia?»

Sul piano delle indagini, gli operai interrogati sono saliti a 30, mentre le ipotesi sul tappeto sono sempre quelle del cortocircuito (forse legato agli ascensori delle impalcature), del mozzicone di sigaretta o della saldatura surriscaldata. Da oggi, fonti vicine all'inchiesta parlano anche di un bug informatico che, al primo allarme, avrebbe indirizzato i soccorritori verso un punto sbagliato rispetto a quello in cui covavano le fiamme. Soltanto 23 minuti più tardi il secondo allarme avrebbe corretto le coordinate e fatto scoprire agli addetti alla sicurezza un enorme focolaio che aveva già divorato una trave. A questo si aggiungono molte voci che parlano di sicurezza insufficiente non soltanto sul cantiere di Notre-Dame ma praticamente su tutti i cantieri di restauro: «Le precauzioni necessarie per i lavori sui monumenti storici sono insufficienti. Nessuna legge o regolamento ha rafforzato le norme. Questo disastro poteva essere evitato» è la sentenza del direttore della rivista 'La Tribune de l'Art', Didier Rykner, intervistato da Le Figaro.

Notre Dame, 200.000 like per la foto della bimba che gioca prima della tragedia: ecco perché

La cattedrale di Notre-Dame, che da oggi grazie alle donazioni raccolte ha già un tesoretto di un miliardo di euro da spendere per la ricostruzione, non era assicurata. La notizia non è clamorosa, dal momento che quando lo Stato è proprietario di un bene, come nel caso di Notre-Dame, è esso stesso assicuratore. Ma questo implica che, dove non arriverà la maxicolletta, le spese rimarranno a carico delle casse dello Stato. Che, ha assicurato Franck Riester, ministro della Cultura, «farà quello che serve».

​​Notre Dame, in vendita su Ebay il legno della cattedrale bruciata: rimosso l'annuncio

Il consiglio dei ministri, dedicato oggi interamente alla cattedrale e alla ricostruzione, ha varato un progetto di legge denominato appunto 'Notre-Damè con sgravi di imposte eccezionali, fino al 75%, per chi farà donazioni. Ma il punto forte del dispositivo governativo è il lancio di un concorso internazionale fra architetti per la creazione di una nuova guglia. In particolare, la gara dovrà consentire di prendere una decisione sulla domanda che molti si fanno in queste ore: la guglia dovrà essere ricostruita identica a quella creata da Viollet-le-Duc nel XIX secolo o bisognerà azzardarne una dall'aspetto contemporaneo o addirittura avveniristico?

 


L'ex capo di stato maggiore Jean-Louis Georgelin è stato nominato 'Monsieur reconstruction' per garantire correttezza e trasparenza alle operazioni. Macron, che ieri sera ha dato appuntamento ai francesi per un nuovo discorso in cui illustrerà le riforme che avrebbe dovuto annunciare la sera dell'incendio, ha confermato che in questo momento la priorità della Francia è Notre-Dame e la sua ricostruzione. Per rispondere al disagio sociale espresso dai francesi durante il Grande dibattito nazionale e nei 5 mesi di rivolta dei gilet gialli, il tempo stringe. Sabato prossimo, gli organizzatori della protesta hanno dato appuntamento per un nuovo ultimatum al governo, criticando le centinaia di milioni immediatamente sborsati per Notre-Dame dai miliardari di Francia «inerti di fronte alla miseria sociale»
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 17 Aprile 2019, 20:46






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Notre Dame, ipotesi cortocircuito o mozzicone di sigaretta. Cinque anni per ricostruirla
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2019-04-18 14:48:40
Mi sbaglierò ma per me è doloso e si sa che mani hanno acceso l'accendino ma si preferisce ignorare per evitare ritorsioni ed altro. Quello che pensano i più comunque....
2019-04-18 11:33:14
Vedrete che i Francesi finiranno ancor prima della Tav. Non saranno 5 anni magari ma non i decenni che ci vorranno come nei cantieri Italiani ne abbiamo un esempio nella Salerno R.C. 70 anni
2019-04-18 06:37:47
L'artefice della Natura( per chi ci crede)ha creato le sue leggi dei fenomeni , per cui dat: innesco, combustibile e ossigeno..la reazione parte e si allarga anche nei templi dedicatigli dagli umani...non sta a far differenze tra cattedrali, boschi, case, cinema e locali da ballo o treap tease.
2019-04-17 23:23:23
Non sarebbe meglio indagare sulla causa (incidente , errore tecnico, incuria da parte di una ditta impegnata nel restauro ) e fagli pagare i danni come si fa con le persone normali? Se fai danni ...paghi!
2019-04-17 21:24:48
se è di proprietà dello stato sono serviti tutti quelli che si sono lavati la bocca col vaticano.