Malta, due militari accusati di omicidio razziale: spari ai migranti «solo perché sono neri». Un morto e due feriti

PER APPROFONDIRE: malta, migranti, militari, omicidio razziale
Spari ai migranti «solo perché sono neri»: un morto e due feriti, due militari accusati di omicidio razziale
Hanno sparato contro i migranti «solo perché sono neri». Sono due militari i presunti autori del primo omicidio a sfondo razziale, compiuto il 6 aprile scorso a Malta quando un migrante venne ucciso a colpi d'arma da fuoco esplosi da un auto e due altri rimasero feriti. Uno dei due uomini è stato arrestato stamani, l'altro è ancora latitante. Lo riferisce il Times of Malta specificando che l'uomo arrestato avrebbe ammesso che il brutale attacco, nei pressi del principale centro di raccolta di rifugiati, era rivolto ai migranti «solo perché erano neri».

Migranti, ok allo sbarco dalla Sea Watch di 7 bimbi con i genitori. Procura apre un'inchiesta, Salvini attacca Conte

Migranti, Salvini diffida la Sea Watch: «Acque territoriali italiane vietate e porti chiusi»

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 18 Maggio 2019, 13:06






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Malta, due militari accusati di omicidio razziale: spari ai migranti «solo perché sono neri». Un morto e due feriti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti