Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Giappone, esercito più forte e addio posizione difensiva per rispondere a Cina e Corea del Nord: la svolta storica (che cambia la costituzione)

A otto mesi dall'inizio del suo mandato, il primo ministro Kishida deve affrontare sfide di politica estera senza precedenti

Lunedì 30 Maggio 2022 di Marco Prestisimone
La svolta storica del Giappone: esercito più forte e addio posizione difensiva (in risposta a Cina e Corea del Nord)

Il Giappone pensa a una svolta storica. Perché l'invasione della Russia in Ucraina ha mostrato quanto velocemente possano cambiare gli scenari. E in Oriente le tensioni tra Cina e Taiwan costringono anche Tokyo a un ragionamento. La sua posizione tradizionalmente difensiva - da dopo la Seconda guerra mondiale l'art.9 della sua costituzione sancisce l'impossibilità di usare la forza per risolvere le controversie internazionali - potrebbe cambiare con il nuovo primo ministro Kishida. Per la prima volta in ottanta anni il Giappone potrebbe raddoppiare le spese militari e avvicinarsi alla possibilità di organizzare un «primo attacco». A otto mesi dall'inizio del suo mandato, infatti, Kishida deve affrontare sfide di politica estera senza precedenti. La guerra della Russia in Ucraina ha fatto suonare campanelli d'allarme nella regione dell'Asia del Pacifico sulla potenziale invasione cinese di Taiwan, una terra autonoma che Pechino considera una provincia rinnegata che un giorno si riunirà alla madrepatria. L'esercito giapponese ha quindi un ruolo strettamente difensivo. «Qualsiasi tentativo di acquisire la capacità di colpire le basi nemiche prima che il Giappone stesso venga attaccato sarebbe una chiara violazione della costituzione», ha detto Akira Kawasaki, membro del comitato esecutivo di Peace Boat, una ONG giapponese.

La situazione

Anche prima dello scoppio della guerra in Ucraina, il partito Liberal democratico (LPD) si era spostato verso una politica di difesa più solida, culminata il mese scorso in una proposta della commissione del partito di aumentare la spesa per le forze armate dall'1% al 2% del Pil nei prossimi cinque anni.

Il Giappone, sottolinea Kawasaki, ha il terzo Pil più grande del mondo. «Se spendesse il 2% del suo Pil per l'esercito, diventerebbe la terza potenza militare mondiale - ha detto al Guardian -. Questa sarebbe una grande minaccia per il mondo intero e totalmente incompatibile con la nazione amante della pace che il popolo giapponese ha cercato di diventare con la costituzione del dopoguerra».

I numeri

Il Giappone è il nono maggior investitore al mondo per la difesa, ma i 54,1 miliardi di dollari (42,8 miliardi di sterline) spesi nel 2021 sono pochissimi rispetto agli 801 miliardi di dollari degli Stati Uniti e la Cina, al secondo posto con una stima di 293 miliardi di dollari, con un aumento del 4,7% rispetto al 2020 . L'abbandono del suo impegno non ufficiale del dopoguerra a mantenere la spesa per la difesa a circa l'1% del Pil è un riflesso della crescente ansia per la sicurezza regionale e la guerra della Russia in Ucraina. «Che i politici giapponesi o i cittadini lo vogliano o meno, Tokyo dovrà assumersi maggiori responsabilità in materia di sicurezza nella regione, data l'ascesa della Cina, i programmi missilistici e nucleari della Corea del Nord e il relativo declino del primato degli Stati Uniti nella regione», ha detto Michito Tsuruoka, professore associato di gestione delle politiche presso la Keio University di Tokyo.

Secondo Kishida per il Giappone è tempo di riconoscere le realtà odierne di una Corea del Nord dotata di armi nucleari e di una Cina che ha intensificato l'attività militare nei mari della Cina meridionale e orientale. «Siamo seriamente preoccupati per la rapida crescita delle attività militari cinesi», ha detto Kishida in un'intervista a Nikkei Asia questa settimana. «Voglio avere discussioni serene e realistiche su ciò di cui abbiamo bisogno per proteggere il Paese».

Il caso di Senkakus

In Giappone cresce la preoccupazione per l'attività aerea e marittima cinese vicino alle Senkaku, una catena di isolotti disabitati nel Mar Cinese orientale che sono amministrati dal Giappone ma rivendicati dalla Cina, dove sono conosciuti come Diaoyu. «Le capacità di difesa del Giappone devono essere fondamentalmente migliorate alla luce degli attuali cambiamenti nella situazione internazionale», ha detto Kishida a Nikkei Asia. Ciò potrebbe includere lo smantellamento di un altro tabù del dopoguerra, l'acquisizione della capacità di «contrattaccare» una base nemica dove sono iniziati i preparativi per lanciare un attacco al Giappone. «Se il Giappone decidesse di intraprendere operazioni di attacco di terra contro la Corea del Nord o la Cina, potrebbe deviare dall'interpretazione tradizionale della sua costituzione, almeno nel breve periodo», ha affermato Narushige Michishita, vicepresidente del National Graduate Institute for Policy Studies di Tokyo. Sebbene il Giappone abbia già implementato sistemi di difesa missilistica, rischia di rimanere indietro rispetto ai suoi rivali in quella che alcuni analisti descrivono come una nuova corsa agli armamenti del nord-est asiatico.

 

Ultimo aggiornamento: 31 Maggio, 10:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci