Coronavirus, Islanda dichiara stato emergenza: 45 casi, la maggior parte dopo viaggi in Austria e Italia

Sabato 7 Marzo 2020
Coronavirus, emergenza in Islanda: nuovi contagi senza alcun legame con viaggi all'estero

L' Islanda ha dichiarato lo stato d'emergenza dopo che il numero di casi di coronavirus nel Paese è salito a 45 su una popolazione di poco più di 300.000 abitanti. La maggior parte delle persone contagiate in Islanda rientravano dalla settimana bianca in Austria e Italia, ha fatto sapere la Protezione Civile locale. Ma sono stati ormai registrati anche i primi contagi secondari: un 50enne e una 60enne che non hanno alcun legame con viaggi all'estero.

LEGGI ANCHE Coronavirus, ultime notizie
LEGGI ANCHE Coronavirus-influenza, differenze enormi

Il primo caso nell'isola è stato registrato il 28 febbraio. Le autorità sanitarie locali hanno spiegato che tutte le persone risultate positive al Covid-19 hanno tra i 44 ed i 67 anni, ma nessuno è in condizioni gravi. Centinaia di persone sono in auto-quarantena nelle proprie case. I contagiati provenienti dall'Italia e dall'Austria erano stati in settimana bianca in Trentino (proprio come la 12enne, primo caso positivo a Malta) o nella località sciistica austriaca di Ischgl. Lo stato d'emergenza, hanno sottolineato le autorità, implicherà l'applicazione di regole più rigorose in materia di prevenzione, ma non avrà forti ripercussioni per la popolazione.

 

 
 

Ultimo aggiornamento: 16:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA