Coronavirus, il cane mangia il passaporto e lei non parte per Wuhan: «Cercava di proteggermi»

Lunedì 27 Gennaio 2020
Coronavirus, il cane mangia il passaporto e lei non parte per Wuhan: «Cercava di proteggermi»
1

Doveva partire per Wuhan, la città della Cina da cui è partito il nuovo coronavirus, ma il cane mangia il suo passaporto e lei resta a casa. È l'incredibile storia di una donna di Taiwan, raccontata direttamente sul profilo Facebook della diretta interessata. Tutto è cominciato il 13 gennaio, quando la donna ha pubblicato sui social le foto del suo passaporto a brandelli, insieme al golden retriver di nome Kim, visibilmente in imbarazzo per la "marachella" appena compiuta. «Sono tornata in camera e mi trovo davanti a questa scena - aveva scritto la donna - qualcuno mi può aiutare a capire cosa è successo?».

Intanto il coronavirus ha cominciato a mietere sempre più vittime in Cina, fino a diventare una minaccia per la sanità mondiale. Così la donna ha interpretato il gesto di Kim come provvidenziale: «Ragazzi, ricordate il passaporto? Il mio cucciolo stava cercando di proteggermi. Dopo che il mio passaporto è stato fatto a pezzi, il virus ha iniziato a diffondersi proprio dove dovevo andare. Ci penso adesso ed è molto toccante. Fortunatamente hai fermato il nostro viaggio». Quando un banale dispetto da cane si trasforma - almeno secondo la padrona - in un grande gesto d'amore.
 

Ultimo aggiornamento: 28 Gennaio, 10:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci