Moneta unica, affare solo tedesco. Ogni italiano ha perso 74.000 euro

PER APPROFONDIRE: euro, italiani, perdita
Moneta unica, affare solo per i tedeschi. Ogni italiano ha perso 74.000 euro

di Pa.Fra.

A 20 anni dall'introduzione dell'euro, il think-thank tedesco Cep (Center for european policy) ha analizzato quali Stati hanno beneficiato dell'introduzione della moneta unica e quali Paesi dell'euro hanno subito perdite analizzando l'evoluzione del Prodotto interno lordo (Pil) effettivo e di quello che ci sarebbe stato in assenza di moneta unica.

 Lo studio giunge alla conclusione che è stata la Germania a beneficiarne maggiormente, l'Italia quella che ci ha perso di più tra gli otto Paesi presi in considerazione.

Dal 1999 al 2017 la stima di arricchimento per la Germania è di quasi 1,9 trilioni di euro cui corrisponde ad un guadagno medio di 23.116 euro in più per abitante. Anche l'Olanda ha ottenuto sostanziali benefici: +21.003 euro per ogni cittadino, così come il Belgio: +6.370  euro per residente.

Nella maggior parte degli altri Paesi, l'euro ha portato invece ad un calo della ricchezza: ogni francese ha perso in media 56.996 euro, ogni italiano 73.605 euro. In Spagna la perdita per abitante è stata di 5.031 euro, in Portogallo -40.604 euro.  Perfino la Grecia avrebbe approfittato dell’euro, con un guadagno di 190 euro pro capite.
Secondo lo studio, il problema della competitività tra i vari Paesi dell’eurozona
«rimane irrisolto" perchè i singoli Paesi non possono più svalutare la propria valuta».

La valutazione è stata fatta estrapolando il trend dei singoli paesi e quindi correggendoli con l’andamento di macrovariabili economiche e confrontando i risultati con un gruppo di controllo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 27 Febbraio 2019, 16:12






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Moneta unica, affare solo tedesco. Ogni italiano ha perso 74.000 euro
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 62 commenti presenti
2019-03-01 16:17:00
La moneta unica è una disgrazia. La coniatura della propria moneta è la forza di una nazione ed i suoi debiti la propria debolezza. Questa è la vera bilancia a due piatti di uno stato. Facendo parte del "club" abbiamo delegato ad altri la nostra sovranità nazionale con il nostro mostruoso debito pubblico trasformato in euro. Se qualcuno non se n'è ancora accorto, ben poco è cambiato con l'euro ; non ci svalutano più la liretta ma bensì il nostro debito, a meno di non fare come in passato i prostituti d'europa e allora magicamente lo spread scende, ed il "laccetto" si distende ; cambia poco alla fine. Se non avessimo debito pubblico potremmo tranquillamente tornare alla Lira. Provate a chiederVi perchè l'Albione non ha mai rinunciato alla sua moneta. Ma i motivi partono da ben, ben lontano...ben difficilmente comprensibili di chi nomina in temi come questi ancora la figura di Berlusconi...
2019-03-01 14:14:18
Acqua calda.
2019-02-28 18:05:17
A scuola arrivano i figli degli italiani i quali non sono tutti produttivi. Da tener inoltre presente che a scuola si rimane una media di 20 ore alla settimana, il resto lo passano con i loro genitori italiani. Forse questo è il vero drammatico problema i loro genitori sono preparati? Da quanto franco 505 sembra di no! Altro che scaricare le colpe dei genitori sulla scuola.
2019-02-28 17:14:18
I Tedeschi sono ''tutti'' produttivi e le loro scuole formano gente produttiva.
2019-02-28 17:01:37
oires lei come tutti gli italiani siete stati fregati da berlusconi e dalla lega. Quello che fa ridere è il fatto che non ve ne siete nemmeno accorti. Con il senno del poi è un bene che gli euro vadano in tasca a chi sa valutare ciò che gli accade attorno e non si lascia prendere in giro. Altro che Prodi avete il saleme negli occhi. Non vi siete nemmeno accorti che più a sinistra di salvini c'è ben poco. Mah!