Nadia Toffa, l'imprenditrice che la criticò: «Io, insultata e minacciata»

PER APPROFONDIRE: catia brozzi, intervista, nadia toffa
Nadia Toffa, l'imprenditrice che la criticò: «Io, insultata e minacciata»
«Ho rilasciato solo una dichiarazione all'agenzia stampa AdnKronos confermando il mio pensiero di febbraio 2018. Da due giorni ricevo messaggi con insulti e minacce...ho letto vergognosamente di tutto. A volte i social uccidono le persone come il cancro...». Così su Facebook Catia Brozzi, l'imprenditrice di Perugia, presidente dell'Associazione Trasportatori cavalli italiani, diventata nota alle cronache per un post diventato virale su Facebook dove criticava la conduttrice delle Iene Nadia Toffa per aver detto che «il cancro è figo».



«Non avrei voluto scrivere ancora per questa triste vicenda dove nel 2018 mi ci sono trovata 'dentro' condividendo un post - prosegue - Dopo la sua morte sono stata chiamata da più giornalisti che volevano una mia dichiarazione. E qui spero di chiudere questa triste vicenda dove ancora ha vinto lui portandosi via un'altra giovane donna di 40 anni», conclude l'imprenditrice umbra.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 18 Agosto 2019, 14:48






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Nadia Toffa, l'imprenditrice che la criticò: «Io, insultata e minacciata»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2019-08-19 08:57:17
ha perso un'altra occasione per stare zitta. adesso non si lamenti. i guai sono di chi se li cerchi.come dice il proverbio: chi di spada ferisce e tutto il resto. chi lo fa se lo aspetti
2019-08-18 18:03:41
Catia Brozzi, e persino Filippo Facci hanno ragione. I pazienti che non si possono permettere un elicottero sanitario da Trieste a Milano, che devono sgomitare per prenotare un esame sperando di ottenerlo prima che il cancro faccia troppa strada, che devono pietire un passaggio in auto da amici e parenti nei giorni di terapia, potrebbero sentirsi leggermente presi per i fondelli da questa visione un po' fru-fru della malattia, da questa retorica del "guerriero": Come se tutti gli altri, i malati che giustamente non colgono il senso della sventura perche' un senso non c'e', fossero fessi...
2019-08-19 02:29:41
Mio padre è morto di cancro. L'assistenza medica che ha ricevuto è stata ottima . Ho ringraziato i medici . Per la cronaca mio padre era un operaio in pensione. Al Nord la sanità funziona bene . Basta con i luoghi comuni.
2019-08-23 09:42:59
Pur nel dolore per la malattia fatale, suo padre ha ricevuto un ottima assistenza medica. Purtroppo questa "fortuna", se cosi' si puo' dire, non riguarda tutti i malati e, sempre purtroppo, non si tratta di un "luogo comune".
2019-08-19 10:36:10
ci sono sempre i malati di serie A e di serie B anche in altre malattie ...