Mina, la Tigre lascia la gabbia e si racconta in video: un documentario presenta aspetti mai visti della sua vita

Il produttore Massimiliano Pani, figlio della cantante, svela il progetto: «Sarà come passare cento ore con lei»

Domenica 25 Settembre 2022 di Mattia Marzi
Mina, la Tigre lascia la gabbia e si racconta in video: un documentario presenta aspetti mai visti della sua vita

Leggenda vuole che all’apice della sua carriera, Mina abbia rinunciato a un tour negli Stati Uniti con Frank Sinatra. Era il 1973. L’allora 58enne “The voice”, ormai stanco dei palchi, era in cerca di un erede musicale al quale passare il testimone. Impressionato dalle voci, che avevano cominciato già a circolare tra gli addetti ai lavori, anche oltreoceano, sul talento straordinario di quell’interprete italiana diventata presto una diva nel paese di cui erano originari i suoi genitori, Sinatra si decise ad alzare il telefono e a telefonare in Italia a Mina. Facendole un’offerta faraonica – con tanto di assegno in bianco e casa a Manhattan – e dandole la possibilità di diventare la popstar più famosa al mondo. Ma Mina rifiutò. Il motivo? La paura di volare. 

Auguri Mina, oggi la tigre di Cremona compie 82 anni


LA PIATTAFORMA
Cinquant’anni dopo quel rifiuto, la Tigre di Cremona si prepara ad attraversare l’oceano senza aver bisogno di prendere un aereo (figurarsi se a 82 anni, quarantaquattro dei quali passati lontana dalle scene, la signora Mazzini è disposta a lasciare il suo buen retiro di Lugano). Lo farà attraverso un film documentario che entro la fine dell’anno arriverà in streaming, distribuito quasi certamente da Netflix negli oltre 190 paesi raggiunti dalla piattaforma. Il figlio Massimiliano Pani, che è anche suo produttore e portavoce ufficiale, non conferma l’indiscrezione legata all’accordo, ma garantisce che l’ambizioso progetto è in dirittura d’arrivo: «L’uscita sarà un evento. Questo documentario permetterà al pubblico di tornare a vedere Mina in faccia. E non solo per pochi secondi. Sarà un’operazione mastodontica simile a quella fatta da Peter Jackson con i Beatles per Get Back». I filmati che comporranno il documentario, che non ha ancora un titolo, sono tratti da cento ore di girato inedito risalente al 2001, l’anno in cui l’allora 60enne cantante accettò di essere ripresa nel suo studio a Lugano: da quelle sessioni fu tratta una clip che fu trasmessa sul portale di Wind – facendo registrare 20 milioni di contatti: un record, per l’epoca – e il dvd Mina in studio. «Per cinque giorni riprendemmo tutto quello che fece Mina in sala d’incisione, insieme ai suoi musicisti, ma di tutto quel materiale pubblicammo solo una piccolissima parte. È un racconto completo, che ritrae non solo dell’artista, ma anche la donna. Rivelerà aspetti inediti della sua quotidianità: sarà come trascorrere cento ore accanto a lei», anticipa Pani. 


LA NOVITÀ
Il documentario non è l’unica novità che riguarda Mina. Mentre continuano a rincorrersi rumors secondo i quali Amadeus starebbe cercando di riportarla in qualche modo al Festival di Sanremo – nel 2009 Paolo Bonolis riuscì ad avere da Lugano un video in cui la Tigre di Cremona interpretava il Nessun dorma dalla Turdandot di Puccini, nel 2018 Tim realizzò una versione digitale della cantante sul palco dell’Ariston – la voce di Se telefonando si prepara a pubblicare un nuovo album di inediti, a cinque anni dall’ultimo: «Uscirà a gennaio», si limita a dire Pani. 


LA KERMESSE
Parlando del Festival ribadisce, come aveva già fatto sulle pagine de Il Messaggero nel 2019, la disponibilità di Mina a ricoprire un ruolo di prestigio all’interno della kermesse: «Ospite? No, semmai direttore artistico. La verità, però, è che la Rai parla, ma ufficialmente non fa nessun passo. Aspettiamo una telefonata dal 2019: non è mai arrivata. Forse una come lei, da sempre indipendente e libera, turberebbe i delicati equilibri di potere che ci sono dietro il Festival». In queste settimane Mina, che ha finanziato il progetto attraverso la Pdu (la sua etichetta e casa di produzione, riacquisita nel 2015 dopo la cessione della titolarità a Rti Music), sta seguendo in prima persona le fasi delle lavorazioni del documentario: «È entusiasta – dice Pani – siamo quasi pronti. Abbiamo visionato tutto il girato e scelto le immagini più emozionanti e interessanti: il progetto è affascinante e istruttivo». Chissà che nel frattempo il telefono non squilli. 

Ultimo aggiornamento: 08:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci