Lorenzo Crespi a Domenica Live: "La mia malattia non è più curabile. Barbara D'Urso? Chiarisco tutto"

Lorenzo Crespi in tv:
Gli ultimi aggiornamenti sul drammatico caso di Lorenzo Crespi. L'attore si sfoga e chiarisce la sua tremenda situazione a Domenica Live, ma prima chiarisce un tweet che era stato interpretato malem alcuni giorni fa da alcuni commentatori: "L'affetto tra me e Barbara D'Urso è troppo grande, stiamo facendo un percorso, non potrei mai dire nulla contro di lei". 





Poi parla della sua malattia: "Mi stanno facendo ricoverare, ho una malattia ai polmoni, oramai non è più curabile. Mi hanno truffato e sono senza luce e gas, non riesco a lavarmi da cinque giorni. Non accetterò mai di mettere la mascherina, non capisco perché sto andando avanti".

"Leggo sui siti che sto morendo di fame, che non ho un euro, che sono sul lastrico e non mi hanno affittato casa. Le bollette non erano intestate a me, neanche la casa, e mi hanno truffato". Crespi parla anche del suo rapporto con il comandante Ultimo: "Sono la sua ombra. Morirei per lui", e ancora denuncia: "Io avevo i soldi per le bollette ma non posso pagarle perché non sono intestate a me".

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 11 Marzo 2018, 22:20






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Lorenzo Crespi a Domenica Live: "La mia malattia non è più curabile. Barbara D'Urso? Chiarisco tutto"
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-03-13 09:52:26
sono molti gli artisti che finiscono sul lastrico, colpa di persone poco affidabili a fianco, di bella vita sperperata....ha fatto notiziona il fatto del gettone di presenza alla trasmissione....ma più che questi "spiccioli" per altro pagati da un'azienda che vive con la pubblicità, dovrebbe fare scandalo le "cifrone" pagate con il canone (di cui siamo stati obbligati a pagare)
2018-03-12 21:00:46
Mi dispiace sul male non si discute! ma essere arrivato cosi sul lastrico, lui dov'era? I parenti da Catania come la pensano, qualche amico/amica, le societa' in cui ha lavorato. Ci sarebbe tanti perche'