Claudia Gerini in “Anna Rosenberg” un thriller su una storia di femminicidio

Mercoledì 12 Febbraio 2020
L'attrice Claudia Gerini
«Accolta come una regina, con grande affetto, dimostrazioni che ti fanno sentire a casa. E questo, per un attore è molto importante». Così Claudia Gerini impegnata da un paio di settimane a Castiglion Fiorentino (Arezzo) per la registrazione del film Anna Rosenberg, ha detto durante una cerimonia in suo onore in Municipio. «Il film, inizialmente mi ha spaventato ma le sfide mi piacciono e l’idea di raccontare la storia di una donna che è stata abusata, anche se dal punto di vista intellettuale, mi ha soddisfatto. È un piccolo progetto ma molto significativo» ha affermato Claudia Gerini, che ha poi aggiunto «mi sono preparata pensando alla libertà, alla leggerezza che tutti noi abbiamo il diritto di avere». Anna Rosenberg, scritto dall’autore bestseller Andrè Delauré, diretto da Michele Moscatelli, è un thriller psicologico ispirato ad una storia vera, che racconta della violenza psicologica e fisica che ha portato Anna alla morte. Anna rappresenta in carne ed ossa la metafora di tutte le donne vittime di femminicidio. Da sempre dalla parte delle donne e dei più deboli, Claudia Gerini interpreta Anna, un ruolo che sembra scritto per le sue corde. 


Il film verrà presentato a Cannes alla fine del mese di maggio e poi sono previste le uscite nelle sale, prima, francesi, e poi italiane e successivamente nelle reti televisive. «Una prima esperienza per Castiglion Fiorentino che ci piacerebbe che diventasse la puntata pilota per altre produzioni: Castiglion Fiorentino la città del cinema», ha commentato l’assessore alla Cultura, Massimiliano Lachi. Accanto a Claudia Gerini, nel ruolo di Duval, la star francese Christophe Favre e Pasquale Greco nel ruolo di Marco. Ultimo aggiornamento: 16:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA