Un'oasi in Florida per salvare gli elefanti dei circhi: già accolte e liberate12 femmine

Martedì 4 Maggio 2021
Un'oasi in Florida per salvare gli elefanti dei circhi: già accolte e liberate12 femmine

Salvare gli elefanti che provengono dai circhi ormai chiusi. E' questo l'obiettivo del White Oak Conservation Center in Florida. Gli ex elefanti del circo stanno iniziando ad arrivare nel nuovo santuario della fauna selvatica situato nel nord della Florida. Il White Oak Conservation Center ha annunciato lunedì che una dozzina di femmine di elefanti asiatici sono già arrivate al rifugio Yulee, situato a nord di Jacksonville. Sono attesi fino a 20 elefanti in più una volta completate altre aree nello spazio pianificato di 2.500 acri (1.010 ettari). I pachidermi provengono dal Center for Elephant Conservation nella contea di Polk. La maggior parte degli animali ha viaggiato in precedenza con il Ringling Bros. e Barnum & Bailey Circus fino a quando non si sono ritirati nel 2016.

Sudafrica, la lotta del leopardo la leonessa ha un finale... rovinoso

Nick Newby, che guida il team che si prende cura degli elefanti, ha imparato a conoscere i singoli elefanti e le loro abitudini negli ultimi anni. «Guardare gli elefanti uscire nell'habitat è stato un momento incredibile» ha detto Newby in una dichiarazione. «Ero così felice di vederli uscire insieme e rassicurarsi e confortarsi a vicenda, proprio come fanno gli elefanti selvaggi, e poi uscire per esplorare il loro nuovo ambiente. Vedere gli elefanti nuotare per la prima volta è stato fantastico».

L'invasione dei vermi saltatori: devastano i terreni e li rendono sterili

Gli elefanti alla fine avranno accesso a nove aree interconnesse che includeranno una varietà di vegetazione e tipi di habitat, come zone umide, prati e boschi, ha detto un comunicato stampa. Il centro sta anche costruendo 11 pozze d'acqua e tre fienili con attrezzature veterinarie. Gli elefanti asiatici sono in pericolo in natura, hanno detto i funzionari.  White Oak è di proprietà dei filantropi Mark e Kimbra Walter. Il centro copre circa 17.000 acri (6.880 ettari). È già sede di diverse specie in via di estinzione e minacciate, tra cui rinoceronti, okapi, bongo, zebre, condor, gazzelle  e ghepardi.

 

Ultimo aggiornamento: 5 Maggio, 08:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA