Caccia, la Ue avvia una procedura di infrazione nei confronti dell'Italia: «Specie e aree protette, ecco le violazioni»

La motivazione: "Autorizzata l'uccisione o la cattura di specie di fauna selvatica, anche nelle aree in cui la caccia è vietata"

Mercoledì 7 Febbraio 2024
Caccia, la Ue avvia una procedura di infrazione nei confronti dell'Italia: «Specie e aree protette, ecco le violazioni»

La Commissione europea ha deciso di avviare una procedura di infrazione nei confronti dell'Italia a causa del mancato allineamento alle direttive Ue in materia di caccia.

Bruxelles ha riscontrato che «diversi atti legislativi italiani non sono conformi alla legislazione dell'Ue», in particolare nei riguardi della direttiva uccelli e del regolamento Reach, che «limita l'uso di pallini contenenti piombo» per «proteggere gli uccelli acquatici, l'ambiente e la salute umana».

Spara al cinghiale e ferisce cacciatore di 58 anni: portato a spalla dagli amici fino all'ambulanza

Cinghiale carica il cacciatore (che aveva sparato): l'ex giocatore della Viterbese Di Prospero finisce in ospedale

Nella lettera di messa in mora inviata a Roma, la Commissione europea evidenzia che, in violazione della direttiva uccelli, «la legislazione italiana conferisce alle regioni il potere di autorizzare l'uccisione o la cattura di specie di fauna selvatica, anche nelle aree in cui la caccia è vietata, come le aree protette, e durante il periodo dell'anno in cui la caccia è vietata». La legislazione italiana non è inoltre conforme alle disposizioni del regolamento Reach sull'uso del piombo nelle munizioni.

Ultimo aggiornamento: 14:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci