Strage di mufloni, la Lav difende i lupi: «Sono i loro predatori naturali»

I mufloni sbranati dai lupi

di Marco Corazza

ASIAGO - "Nessuna strage, il lupo è un predatore naturale". Per Massimo Vitturi, responsabile Area animali selvatici della Lav, non ci sarebbe alcun allarme sulla fauna selvatica che popola il Nordest. "L’uccisione di tre mufloni sull’Altipiano di Asiago, ad opera di un loro naturale predatore, il lupo - ribadisce Vitturi -  diventa occasione per alimentare l’allarmismo sulla presenza e l’impatto del lupo in quello che è tornato, finalmente, ad essere il suo territorio naturale". Secondo la Lav si tratta di "una allarmata segnalazione di Federcaccia del Friuli Venezia Giulia". "Sembra chiaro che l’intento è di instillare preoccupazione e paura nei cittadini - ribadisce ancora l'eponente della Lega anti vivisezione - È un atto che non ha nulla di anomalo, perché i lupi sono predatori e come tali predano. Laddove ci fossero dei dubbi, è sempre più chiaro che tra i principali nemici dei lupi vi siano proprio i cacciatori, preoccupati dal fatto che qualche animale che avrebbero voluto uccidere a fucilate, possa diventare cibo per i lupi, com’è normale che sia. È bene ricordare, infatti, che nella zona dove sono stati rinvenuti i tre mufloni predati, ogni cacciatore ha la possibilità di uccidere un muflone a stagione, oltre a un esemplare al giorno della restante fauna stanziale. Se quindi vogliamo parlare di “distruzione della fauna selvatica” questa non può che essere imputata ai cacciatori, molto più numerosi dei lupi".Diversamente la Federcaccia ribadisce la necessità di "limitare il numero di lupi che stanno sempre più popolando le Alpi, mettendo a rischio la fauna selvatica". "Non siamo contrari ad un equlibrio della specie - spiegano ancora i cacciatori - Ciò che non si capisce è che siamo noi i primi a voler salvaguardare gli animali selvatici nelle nostre montagne. Gli stesi Enti ci danno direttive per mantenere un equilibrio tra gli animali. Quotidianamente assistiamo purtroppo agli scempi dei lupi, che vanno fermati in tempo" 

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 10 Febbraio 2018, 10:20






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Strage di mufloni, la Lav difende i lupi: «Sono i loro predatori naturali»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2018-02-13 08:46:21
Per i commentatori palesemente anti caccia. Consiglio vivamente un giro in altopiano per capire" forse" l'entità dei danni del lupo. La popolazione di mufloni ormai è estinta in molte zone. Dove se ne contavano 100 ora rimangono 10-20 esemplari. Ancora qualche anno e scomparirà. Pace e bene l'importante é avere il lupo.
2018-02-13 20:38:08
Vuoi dire che i lupi se ne sono mangiati circa 80-90? e le carcasse dove sono?. Il cacciatore o bracconiere si porta tutto a casa e di carcasse pertanto non ne resta traccia. Sei sicuro che non siano stati questi ultimi a decimarli?.
2018-02-12 22:43:00
è il programma di reinserimento del lupo del quale non se ne sente davvero la mancanza dalle nostre parti. Questa è la logica naturale obbligatoria conseguenza. Però se l'uomo vuole cibarsi di carne di capra o pecora allora è colpevole di ammazzare soprattutto se allo stato brado. Strano. Solo insalata e tofu?? Sicuramente non si tratta di strage, perché i lupi sono ancora pochi e non si trovano comunque i resti di tutti i loro pasti. Sicuramente in futuro bisognerà allevare cibo per farli mangiare, anche loro ...
2018-02-11 10:54:05
La caccia dovrebbe essere abolita. E sarebbe bello che almeno i media, evitassero di dar spazio alle falsità usate dai cacciatori per giustificare il loro ""sport"" Tipo voler istigare la paura del lupo ...
2018-02-11 10:47:10
Reinserite i lupi nelle zone martoriate dai cinghiali, così i poveri cacciatori non dovranno più "lavorare" ma sarà compito nella natura fare "il lavoro sporco". In ambito venatorio ci sono stati ( in questa stagione di caccia, e sottolineo IN AMBITO VENATORIO ) 68 feriti e 22 morti, nelle sole 98 giornate in cui si poteva cacciare. Posso anche capire che per l'allevatore la morte dei capi di bestiame è una cosa molto seria e che bisogna o rimborsare in modo adeguato e o mettere in atto misure preventive... ma se dobbiamo temere che qualcuno ci faccia male mentre passeggiamo in un bosco... beh... i lupi diventano una barzelletta....