Tragedia in azienda, muore 36enne: ipotesi avvelenamento per errore

PER APPROFONDIRE: infortunio sul lavoro, lonigo, morto
Andrea Galiotto (dal profilo Facebook)

di Luca Pozza

LONIGO - Tragedia nel tardo pomeriggio di oggi, poco dopo le 17.30, alla F.I.S. di Almisano di Lonigo, in via Dovaro, azienda farmaceutica che sino a un anno e mezzo fa faceva parte del gruppo chimico Zambon, con sede in via Dovaro, ma che poi ha ceduto la parte chimica Zach System alla Fabbrica Italiana Sintetici. Un operaio è stato trovato riverso a terra dai colleghi, che hanno subito dato l'allarme. La vittima è Andrea Galiotto di 36 anni. Era nato ad Arzignano ma risiedeva nel veronese a San Giovanni Ilarione

Purtroppo è stato inutile l'intervento della squadra di pronto soccorso dell'azienda, subito accorsa per prestare i primi soccorsi all'operaio, e dei sanitari del Suem 118 di Lonigo, che per quasi un'ora hanno cercato di rianimarlo ma alla fine non hanno potuto che constatarne il decesso.

In un primo momento sembrava si potesse trattare di un malore improvviso, ma ai carabinieri della locale stazione e ai tecnici dello Spisal, intervenuti sul posto, la dinamica appare poco chiara. Al punto che è stato posto sotto sequestro il macchinario, da cui è emerso che avrebbe collegato la mascherina all'impianto di azoto invece che a quello di ossigeno, che gli ha provocato un avvelenamento fatale. Nella tarda serata di venerdì i sindacati hanno deciso di bloccare l'attività dell'azienda per tutto il fine settimana: la produzione riprenderà lunedì mattina.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 25 Maggio 2018, 20:17






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tragedia in azienda, muore 36enne: ipotesi avvelenamento per errore
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-05-26 12:03:59
Quoto shopUser. Gli innesti dei due gas sono diversi.. Un po' come per le pompe benzina e diesel. I giapponesi chiamano questi accorgimenti poka yoke.
2018-05-26 10:32:57
Ma non dovrebbe esserci la possibilità di sbagliare, ogni innesto deve essere diverso dall'altro, soprattutto quello dell'ossigeno.
2018-05-26 08:45:01
Fis e zambon sono due aziende diverse..
2018-05-25 22:43:36
Lo stabilimento di Lonigo è ex Zambon ora F.I.S
2018-05-25 20:39:29
Ad essere pignoli se il poveretto ha sbagliato a collegare la maschera e' rimasto asfissiato, non avvelenato. L'azoto NON e' di per se tossico, visto che l'aria che respiriamo ne contiene il 78%. Ma se respiri azoto puro SENZA ossigeno, muori per asfissia