Turismo: Bini, Fvg consolida i servizi per quello "slow"

Giovedì 6 Maggio 2021


Udine, 6 mag - "Il Friuli Venezia Giulia possiede notevoli elementi di attrattività per il turismo lento, un segmento che si sviluppa all'aria aperta e nel quale sono compresi anche i camperisti e i campeggiatori. Essi rappresentano una realtà da considerare e rispetto alla quale la Regione è attenta, e intende sostenere le iniziative volte a consolidare i servizi dedicati in quanto il loro settore rappresenta un'ulteriore risorsa per il turismo e per l'indotto".

Lo ha ribadito l'assessore regionale alle Attività produttive e al Turismo, Sergio Emidio Bini, intervenuto al webinar 'Case History - Turismo open air: beneficio per il territorio e connotazione dell'offerta turistica', svoltosi tra le iniziative propedeutiche al Salone del Camper, in programma a Parma nel mese di settembre.

Bini ha ricordato che la fase di uscita dalla pandemia stimola la diffusione di modalità del turismo e dell'escursionismo che si possono praticare in sicurezza, come accade con l'utilizzo dei camper e delle roulottes. Un'esperienza, quella del turismo 'open air' che si sta consolidando, tanto che nel 2020, assieme al turismo di prossimità, ha registrato un importante incremento anche nel Friuli Venezia Giulia.

"Il nostro territorio - ha spiegato Bini - dispone già di oltre centodieci strutture tra aree di sosta attrezzate pubbliche o private, nonché di campeggi, agriturismi e cantine che hanno predisposto spazi dedicati alla sosta. È un settore al quale sono destinate oltre 8 mila piazzole situate tra la pianura, le colline e le zone di montagna, collocate sempre in prossimità di piccoli borghi, parchi, riserve, laghi, fiumi o città d'arte e della cultura".

In particolare, già attrezzate, esistono 62 aree di sosta e trentasei campeggi o villaggi turistici dotati di piazzole. Mentre un'altra quindicina di piazzole sono a disposizione nell'ambito delle strutture agrituristiche.

"Si tratta ora - ha detto l'assessore - di dotare le realtà dedicate ai camper e ai caravan, ove ce ne sia ancora bisogno, dei servizi necessari e indispensabili per la sosta sostenibile e in sicurezza. Buona parte del nostro territorio è raccordato da piste ciclabili che collegano anche percorsi strutturati: per esempio la ciclovia di Alpe Adria percorre le aree interessate da Sportland, un progetto che unisce sedici Comuni e favorisce la pratica di diverse discipline ma nel contempo consente di sostare a contatto con una natura incontaminata e realtà locali uniche per la loro tipicità. Sono numerose anche le opportunità offerte dalle esperienze del gusto da vivere in centinaia di aziende vitivinicole, disponibili e attrezzate proprio per accogliere il turismo slow".

È proprio nella consapevolezza di queste realtà e delle potenzialità esistenti che la Regione partecipa, dal 2018, al Salone del Camper. ARC/CM/al

© RIPRODUZIONE RISERVATA