Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Istruzione: Rosolen, aggiornamento linee guida diritto studio

Martedì 28 Giugno 2022
Fra le novità l'incremento risorse borse di studio e ampliamento beneficiari

Trieste, 28 giu - "Abbiamo aggiornato le linee guida regionali per il diritto allo studio universitario accogliendo le opportunità del Pnrr e quanto previsto dal decreto del ministro dell'Università e della Ricerca incrementando il valore degli importi minimi delle borse di studio dall'anno accademico 2022/23 e ampliando, invece che diminuire, la platea dei beneficiari".

Lo ha annunciato oggi l'assessore regionale all'Istruzione e all'Università, Alessia Rosolen, durante il suo intervento in VI Commissione consiliare volto a presentare le linee guida già vagliate dalla Conferenza regionale per il diritto allo studio.

"Importanti elementi di novità, quelli introdotti, che secondo una prima stima comporteranno un aumento del 4% delle domande delle borse di studio, rispetto ai 5.639 beneficiari del 2021/22. Da qui, uno stanziamento di ulteriori 2 milioni di euro, rispetto ai 5 già messi a bilancio, per soddisfare integralmente tutte le domande ammissibili", ha spiegato l'assessore Rosolen rimarcando "come il Friuli Venezia Giulia sia tra le Regioni che da sempre hanno garantito il 100% delle borse di studio agli studenti idonei".

"Abbiamo inoltre scelto di alzare da 23mila a 24.335 euro il limite Isee che dà diritto all'assegnazione della borsa e ad altri servizi per il diritto allo studio universitario - ha proseguito l'assessore -. Le borse di studio, inoltre, subiranno un ritocco all'insù aumentando da 5.257,74 a 6.157,74 euro (+ 900 euro) per gli studenti fuori sede, da 2.898,51 a 3.598,51 (+ 770 euro) euro per i pendolari, da 1.981,75 a 2.481,75 (+ 500 euro) euro per quelli in sede, oltre alla previsione - ha continuato l'esponente della Giunta Fedriga - di un ulteriore incremento dell'importo pari al 15% per gli universitari con maggiori difficoltà economiche, del 20% per le studentesse iscritte alle lauree Stem e del 30% a favore di studenti con disabilità".

"La borsa di studio, infine, - ha aggiunto Rosolen - potrà conoscere un ulteriore aumento di 600 euro al mese, per un massimo di 10 mesi, per gli studenti che partecipano a programmi di mobilità internazionale".

"A fronte di questi impegni - ha precisato Rosolen - non subiranno aumenti i costi dei servizi di ristorazione e di alloggio dedicati agli studenti non già beneficiari di posto nelle residenze universitarie, che dal prossimo anno accademico, se meritevoli ma in condizioni economiche disagiate, riceveranno direttamente i contributi oltre che per le spese relative ai canoni di locazione da privati anche per le rette dei convitti". Tra le novità inserite nelle Linee guida anche "un bando specifico riservato agli studenti dei corsi Its, esclusi dalle previsioni del decreto ministeriale, a copertura parziale delle spese di iscrizione e frequenza e di eventuali costi per i fuori sede. Misura che sarà interamente coperta con fondi regionali" ha informato ancora Rosolen.

"Un modo tangibile - ha sottolineato l'assessore regionale - per dimostrare come l'Amministrazione regionale continui a dare la massima priorità alle politiche di sostegno per il diritto allo studio. Aumentiamo i fondi per assicurare un'istruzione universitaria di qualità a giovani meritevoli che si trovino in condizione economica svantaggiata e investiamo per un sistema universitario e post-diploma attrattivo e accogliente, capace di richiamare giovani da altre regioni e non solo".

L'ammontare complessivo delle risorse stanziate dall'Amministrazione regionale per il diritto allo studio universitario è cresciuto di oltre il 70%, diversamente da quello ministeriale rimasto invariato, passando dai quasi 11,5 milioni di euro del 2019 ai 22 milioni nel 2022.

"In assestamento - ha concluso Rosolen -, oltre ai 2 milioni in più per le borse di studio, stanzieremo ulteriori 1,5 milioni a favore di Ardis per fronteggiare i rincari delle bollette di luce e gas e 100 mila euro per l'abbattimento dei costi di iscrizione a master e percorsi di alta formazione o specializzazione". ARC/Com/LP

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci