Imprese: Bini, positivi gli incontri per promuovere strumenti sviluppo

Giovedì 2 Dicembre 2021
Imprese: Bini, positivi gli incontri per promuovere strumenti sviluppo
Monfalcone, 2 dic - "È estremamente positivo il bilancio del ciclo di incontri organizzati per far conoscere le opportunità di sviluppo che la Regione mette a disposizione di tutti gli imprenditori del Friuli Venezia Giulia. Un'iniziativa che ha registrato una buona partecipazione di aziende e di consulenti del settore. Abbiamo pertanto centrato il nostro obiettivo: quello di contaminare più possibile le realtà economiche al fine di mettere a loro disposizione i numerosi e importanti strumenti come quelli per l'accesso al credito, per gli insediamenti produttivi e per gli investimenti. Un novero di interventi che ben poche Regioni in Italia può vantare". Lo ha affermato questa mattina a Monfalcone l'assessore regionale alle Attività produttive, Sergio Emidio Bini, che ha preso parte all'ultimo appuntamento di "Conoscere per competere", un vero e proprio "road show" organizzato dalla Regione Friuli Venezia Giulia e dall'Agenzia Lavoro & SviluppoImpresa e ospitato negli ultimi due mesi dai diversi Consorzi di sviluppo economico locale del territorio. "Il lavoro che stanno facendo l'Agenzia Lavoro & SviluppoImpresa e la Direzione Attività produttive sta dando i suoi frutti anche fuori dai confini regionali - ha sottolineato Bini -. Diverse aziende nazionali e straniere, infatti, stanno raccogliendo informazioni dettagliate sulle opportunità offerte dalla nostra Regione. Un'attività che nel prossimo futuro potrà portare sia a investimenti di carattere strutturale che a una forte crescita occupazionale per il Friuli Venezia Giulia". "È importante adesso ampliare i perimetri dei Consorzi industriali che risultano quasi saturi - ha aggiunto l'assessore -. Questo sia per offrire alle attività imprenditoriali interessate nuove aree da occupare sia per riqualificare le zone industriali abbandonate o che si trovano in una condizione di degrado". "Per agevolare lo sviluppo economico della nostra Regione stiamo poi lavorando sulla definizione della Zona logistica semplificata, che prevede - ha spiegato Bini - anche quelle semplificazioni procedurali e di carattere temporale richieste a gran voce da chi fa impresa". Nel corso del suo intervento l'assessore Bini ha toccato anche il tema del Piano nazionale di ripresa e resilienza. "Grazie al Pnrr la nostra Regione avrà a disposizione una mole di risorse economiche mai vista in precedenza, che però dobbiamo essere capaci di utilizzare in tempi brevi e rispettando le procedure definite dall'Unione europea". "Questa Amministrazione regionale sta facendo scelte coraggiose in tema di semplificazioni, di strumenti per le aziende, di finanza agevolata che vogliamo far conoscere a tutte le categorie economiche del Friuli Venezia Giulia. Anche per questo - ha specificato l'esponente della Giunta - abbiamo già definito il calendario degli interventi e dei bandi fino alla fine del 2022 per permettere agli imprenditori di sapere con largo anticipo le linee di intervento che saranno messe a terra nei prossimi 14 mesi". Durante l'incontro si è parlato anche delle tre parole chiave della legge SviluppoImpresa: crescita, sviluppo sostenibile e modernizzazione. La direttrice generale dell'Agenzia Lavoro & SviluppoImpresa, Lydia Alessio-Vernì, si è soffermata in particolare su alcuni argomenti importanti riguardanti la modernizzazione affrontati anche nell'incontro ospitato ieri dal Coselag a San Dorligo della Valle: le imprese giovanili, le start-up, la digitalizzazione. Inoltre è stato ricordato che è sempre attivo il servizio "Avvisami" della Regione per rimanere aggiornati sulle novità di carattere normativo, sugli incentivi, sui termini di presentazione delle domande di contributo, sulle iniziative a favore dei settori dell'industria, del turismo, del commercio e servizi, dell'artigianato e della cooperazione. Prendere contatti diretti con l'Agenzia Lavoro & SviluppoImpresa, con il Team per la ripresa e con i Consorzi di sviluppo economico locale del territorio risulta determinante anche per individuare i progetti di sviluppo già in essere ma anche per segnalare eventuali difficoltà vissute dalle aziende del Friuli Venezia Giulia. ARC/RT/ma
© RIPRODUZIONE RISERVATA