Famiglia: Rosolen, necessario immaginare nuove politiche trasversali

Lunedì 30 Novembre 2020
Trieste, 30 nov - "Da adesso in poi, anche a causa della pandemia che stiamo vivendo, abbiamo un dovere: non siamo chiamati solo a rispondere alle necessità contingenti e quotidiane, ma anche quando pensiamo alla famiglia dobbiamo essere in grado di programmare il futuro ragionando in modo trasversale. Non è più sufficiente copiare vecchie strategie adattandole a tempi diversi. La sfida più grande, quello che ci consentirà di fare il salto di qualità, sarà data dalla nostra forza di immaginare nuove politiche".

Lo ha affermato l'assessore alla Famiglia, Alessia Rosolen, intervenuta oggi in videoconferenza alla nona edizione del Festival della famiglia, promosso Provincia autonoma di Trento con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

"La famiglia rappresenta una responsabilità collettiva mentre per troppo tempo è stata considerata il luogo della fragilità che andava esclusivamente protetto. È invece il baluardo più alto della nostra comunità - ha ricordato Rosolen -. In ogni situazione di crisi essa dimostra di saper abbracciare un insieme di concetti trasversali: conciliazione, educazione, sostegno, ammortizzatore sociale...dobbiamo partire da questa visione per riuscire a portare a compimento quella crescita culturale che in Italia attendiamo da troppo tempo".

"Quando lo Stato sociale è più forte, le donne sono più occupate e fanno più figli - ha rimarcato l'assessore -. Questo è un dato sostanziale che spiega molto chiaramente perché la politica debba concentrarsi con determinazione sui temi della famiglia. Adesso abbiamo davanti a noi una opportunità molto importante rappresentata dalla nuova programmazione del Fondo sociale europeo. Nelle parti che riguardano i giovani, le nuove povertà, l'istruzione, la formazione, l'inclusione sociale e la formazione permanente dobbiamo trovare le risorse per investire al meglio nelle politiche per la famiglia".

Nel corso del suo intervento l'assessore Rosolen ha anche annunciato la sottoscrizione di un protocollo di collaborazione fra Regione Friuli Venezia Giulia e Agenzia per la famiglia di Trento ritenuto strategico per il contrasto alla denatalità. ARC/RT/ep

© RIPRODUZIONE RISERVATA