Willy Monteiro, così è stato ucciso: «Saltavano sul corpo già steso a terra, violenza dei colpi inaudita»

Mercoledì 9 Settembre 2020 di Alessia Marani e Valentina Errante
Willy Monteiro, così è stato ucciso: «Un calcio al petto poi una sfilza di pugni»

In quindici pagine di ordinanza il racconto della notte in cui è stato ucciso Willy Monteiro Duarte. Addirittura gli aggressori avrebbero saltellato sul corpo ormai inerme del ventunenne, «passandoci con i piedi». Prima il battibecco, la lite tra Mario Pincarelli, Francesco Belleggia e i ragazzi di Artena, poi il Suv Q7 con i fratelli Marco e Gabriele Bianchi che sbuca all'improvviso, si ferma in mezzo alla strada, i due pugili che scendono, cominciano a sbracciare a gettarsi addosso a Willy e ai suoi amici. Tutte le dichiarazioni raccolte dagli investigatori sono concorsi e inchiodano Gabriele e Marco Bianchi: hanno colpito Willy e i suoi amici. In posizione più sfumata appare Belleggia, mentre risulta il coinvolgimento di Pincarelli nell'aggressione mortale al giovane cuoco di origine capoverdiana. Prima con un calcio in pieno petto a freddo che fa rimbalzare Willy addosso a un'auto poi una sfilza di pugni sul volto. Il gip ipotizza che, in base a nuovi elementi, l'accusa possa diventare quella di omicidio volontario.

Colleferro, il campione di MMA Di Chirico: «Fighter? Sembrano più dei trapper... Con lo sport non c'entrano nulla»

Un «ah bella» rivolto ad una ragazza di un altro gruppo ha rappresentato la miccia ad una escalation di violenza culminata nel pestaggio mortale di Willy. Racconta un testimone, Matteo Larocca: «Ricordo in particolare che uno di loro ha sferrato un calcio all'altezza del petto di Willy facendolo cadere a terra mandandolo a sbattere contro una macchina parcheggiata sulla via. Dopo questo primo calcio Willy è riuscito a rialzarsi ma veniva preso tempestivamente a calci e pugni tanto che cadeva di nuovo a terra. Addirittura mentre era a terra hanno proseguito a sferrare calci e pugni contro il mio amico Willy tanto che non è riuscito più a rialzarsi». Ma è Samuele Cenciarelli, l'amico del cuore di Willy, sconvolto, a mettere a verbale con ancora più precisione gli ultimi istanti di vita di Willy: "Addirittura ricordo che mentre il mio amico Willy giaceva in terra gli aggressori proseguivano passandogli sopra con i piedi". Samuele ha provato anche a fare da scudo al corpo di Willy per proteggerlo ed è stato colpito anche lui. "Ho un vivido ricordo di un paio di loro, degli aggressori, non ricordo chi di reciso, che addirittura saltavano sopra il corpo di Willy steso a terra e già inemrme". Anche Samuele è stato picchiato e una volta visto Willy a terra privo di sensi, gli ha aperto la bocca e gli ha tirato fuori la lingua nel tentativo di farlo respirare meglio. Racconta un altro amico della vittima, Marco Romagnoli: "Nello scendere dall'auto gli aggressori hanno subito aggredito Willy che si trovava dal lato più vicino alla macchina dei predetti, senza proferire minacce o alcun genere di parola". Faiza roussi, un altro testimone, un giovane che si trovava in zona è sicuro di fronte gli inquirenti di avere riconosciuto Gabriele Bianchi. "Chi materialmente ha picchiato Willy è stato Gabriele Bianchi che dapprima gli ha dato un calcio in pancia dopodiché Willy è caduto a terra si è rialzato ed è stato colpito nuovamente da Gabriele. A questo punto Willy rovinava a terra e perdeva sangue dalla bocca, Gabriele l'ha picchiato da terra per qualche istante poi è arrivata la sicurezza del locale ed è scappato insieme agli altri". I fratelli Bianchi che molti testimoni dicono di conoscere come "i gemelli di Artena", perchè molto somiglianti, non erano presenti quando era iniziata la lite per degli apprezzamenti a una ragazza davanti al Duedipicche, locale di Colleferro, tra un gruppo del posto, Mario Pincarelli e Francesco Belleggia. A chiamarli al telefono chiedendo loro "rinforzi" è stato Michele Cerquozzi. Ascoltato in caserma Marco Bianchi spiega ai carabinieri che, dopo essersi allontanato dal locale di Colleferro con il fratello, un amico e tre ragazze di cui non ricordo il nome, mentre stavano consumando un rapporto sessuale "vicino al cimitero" ricevevano una telefonata da parte del loro amico Michele Cerquozzi il quale, a suo dire, era impegnato in una violenta discussione a Colleferro, chiedendo loro di intervenire in aiuto.  Marco e Gabriele si somigliano così tanto che alcuni testimoni li confondono. Ma il loro amico Francesco Belleggia chiarisce ai carabinieri, così si legge nell'ordinanza, che "Marco Bianchi va verso Willy e gli tira un calcio e lui cade all'indietro, Bianchi Gabriele picchia l'amico di Willy... Willy era a poca distanza, Marco Bianchi gli sferra un calcio sul petto diretto, Willy cade indietro sulla macchina e Bianchi Gabriele si dirige verso l'amico di Willy picchiandolo". 
 

 

Ultimo aggiornamento: 16 Settembre, 22:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA