Truffa agli anziani. «Suo nipote ha avuto un incidente»: e rubano oro e soldi a casa dei nonni a Maccarese

La telefonata e poi la truffa a una coppia di anziani vicino Fregene

Giovedì 12 Maggio 2022 di Fabrizio Monaco
«Suo nipote ha avuto un incidente». E rubano oro e soldi a casa dei nonni

Una truffa odiosa nei confronti degli anziani. A Maccarese due famiglie sono state prese di mira dalla banda del finto nipote, professionisti dell'inganno, abili prima a terrorizzare le persone e poi a trovare una scappatoia in cambio di denaro. L'ultima vittima è stata una coppia di una certa età di un centro agricolo vicino Fregene. La telefonata è arrivata in casa qualche giorno fa. L'uomo si è presentato alla nonna di Luigi come un carabiniere, in tono concitato ha pronunciato la frase collaudata: «Signora, suo nipote è stato coinvolto in un grave incidente stradale». L'anziana, allarmata, ha perso il filo mentre dall'altra parte i balordi sono riusciti a farsi raccontare dettagli utili alla messa in scena. Per tirarlo fuori dai guai serve una somma importante con la quale Il Maresciallo riuscirebbe a sistemare tutto. A quel punto arriva la richiesta: 5mila euro. L'anziana spiega di non avere tanti soldi in casa, quelli dicono «non c'è tempo, bisogna fare presto, prima che tutto precipiti, se non avete contanti vanno bene anche oro e gioielli». La donna capitola, raccoglie tutto quello che ha di prezioso, una vita di ricordi, per salvare l'amato nipote. Fedi comprese, toglie dal collo del marito anche una catena d'oro e mette tutto in una scatola.

«Un pacco per suo nipote». Derubata di 100mila euro dal falso direttore delle Poste

 

Poco dopo lo stesso Maresciallo, più un complice, si presenta all'abitazione dell'anziana a bordo di un'auto nera con delle strisce arancioni, come testimoniato da alcuni residenti. Solo dopo la consegna, l'anziana ha avuto un ripensamento, è bastata qualche telefonata per capire l'inganno. A quel punto ha chiamato i carabinieri ma dei truffatori non c'era più traccia. Non è stato possibile fare una stima del bottino, ma certo sono andati in fumo diverse migliaia di euro. Dopo qualche giorno, sempre a Maccarese in un'altra famiglia di anziani arriva la chiamata. Questa volta una voce dice alla donna: «Ciao nonna come va?», il finto nipote in tono concitato spiega di avere un'emergenza, deve farsi recapitare un pacco a casa sua. A quel punto cade la linea, pochi istanti dopo il telefono squilla di nuovo, stavolta è la voce di una ragazza a chiedere l'indirizzo di casa per la spedizione. A quel punto interviene di nuovo il finto nipote chiedendo alla nonna di pagare alla consegna «750 euro per l'emergenza, poi ti spiego che è successo».

«Ciao, ti ricordi di me?». La truffa agli anziani seguiti nei parcheggi. «Attenti a quell'uomo biondo con l'auto scura»

 

La donna ha dei dubbi, chiama tutti, vero nipote e parenti. Alla fine le risponde la figlia, che le dice di non fare niente e chiama i carabinieri. I quali si appostano nelle vicinanze della casa aspettando la consegna e la richiesta. Non si presenta nessuno, evidentemente hanno fiutato il pericolo, ma almeno i 750 euro restano. Truffe non nuove nella zona, ma troppo spesso a segno perché dirette alle persone più fragili. Così, in linea con la campagna di sensibilizzazione della Questura di Roma, anche il primo dirigente del Commissariato di Fiumicino, dottoressa Stefania D'Andrea, ha iniziato la campagna di prevenzione, a partire dai centri anziani. Il 10 maggio c'è stato il primo incontro nel centro di Fiumicino, con depliant e locandine ci sono i consigli per evitare i raggiri, a casa, come in auto o davanti agli uffici postali, dove i truffatori attendono al varco le loro vittime preferite: gli anziani.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA