Niccolò Bettarini, il gip: «Non è morto grazie ad un amico»

Giovedì 5 Luglio 2018
2
Niccolò Bettarini, figlio di Stefano e Simona Ventura, «è riuscito a salvarsi grazie all'intervento di un amico. Per questo non è morto a causa della «brutale aggressione. Gli aggressori hanno cercato di ucciderlo». Lo scrive il gip di Milano Stefania Pepe nell'ordinanza di custodia in carcere per i quattro accusati di tentato omicidio.

LEGGI ANCHE Niccolò Bettarini, le prime parole dopo l'aggressione: «Ecco cos'è successo»

Secondo il gip i quattro fermati hanno tentato di ucciderlo perché si erano «certamente» prefigurati che il pestaggio e soprattutto le coltellate, «avrebbero potuto produrre conseguenze mortali», anche in considerazione della «loro superiorità numerica e della violenza della loro azione».


 
 

⚪️⚫️udinese-napoli🔵🔵 #experience#football#love

Un post condiviso da Niccolò Bettarini (@mr_bettarini) in data:


Il giudice parla, infatti, di «dolo alternativo», ossia del fatto che i fermati avevano previsto la possibilità che il giovane sarebbe potuto morire. Anche per questo i 4  restano in carcere.
Davide Caddeo, il 29enne accusato di aver sferrato gli otto fendenti (difeso dal legale Antonella Bisogno), Alessandro Ferzoco, difeso dall'avvocato Mirko Perlino, e gli albanesi Andi Arapi (con l'avvocato Simona Uzzo) e Albano Jakei (con il legale Daniele Barelli), che hanno scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere.
Ultimo aggiornamento: 12:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci