Igor in fuga e ferito, dodici identità per il killer di Budrio

Martedì 11 Aprile 2017 di Cristiana Mangani
Igor in fuga e ferito, dodici identità per il killer di Budrio

dal nostro inviato
MOLINELLA Le ultime tracce di Igor “il russo” sono un’impronta “rossa” del palmo di una mano lasciata sul tettuccio del Fiorino abbandonato prima della fuga, e alcuni indumenti intrisi di sangue. È ferito l’uomo più ricercato d’Italia. Il suo Dna era già stato individuato dai carabinieri dopo l’omicidio del barista di Budrio. Davide Fabbri aveva cercato di reagire a quell’aggressione e, prima di essere ucciso, ha provato a difendersi con la canna del fucile. Vaclavic è stato raggiunto alla testa, e quelle ferite non devono essere ancora guarite se il furgone con il quale ha scorrazzato per la “bassa” prima di compiere un altro delitto, è stato trovato pieno di macchie. 

Il pm di Bologna Marco Forte ha messo a disposizione del Ris di Parma tutte le cose repertate all’interno del veicolo: dagli avanzi di mela al giubbotto mimetico, dalla bici con la quale era solito aggirarsi, al materasso dove potrebbe aver dormito nelle notti di latitanza. Ciò che preme ora alla procura è avere i risultati certi sulle impronte digitali. Solo così, del presunto Igor Vaclavic si potranno avere informazioni più concrete riguardo alla vera identità. L’uomo dagli occhi di ghiaccio, infatti, avrebbe usato nel corso degli anni almeno una dozzina di alias. 
 

 

GLI ALIAS
A cominciare da Vaclavic che, per il solo modo in cui è scritto, è palesemente falso, visto che non può essere russo ma neanche serbo. Tutt’al più ceco o slovacco, ma dovrebbe avere la k finale. C’è poi il nome di Ezechiele Norberto Feher con il quale ha aperto anche una pagina Facebook, dove ha postato una foto di smeraldi il 16 marzo scorso, mentre era già latitante per i tanti delitti commessi. La bacheca è piena di foto, di selfie dove è vestito in giacca e cravatta e parla di Valencia in Spagna come della sua città. E chissà quante altre segnalazioni in tutto l’Est di Europa saranno riferibili a questo killer super addestrato e pronto a tutto. Ma per avere un quadro più chiaro gli inquirenti aspettano i risultati degli esperti che consentiranno di dare a Igor/Ezechiele un Codice unico identificativo, dal quale si potrà risalire alla sua vera storia.
Intanto ieri pomeriggio, nella caserma dei carabinieri di Molinella, si è recato a fare visita il comandante generale dell’Arma Tullio Del Sette. Ed è stato proprio lui a chiarire che l’assassino sarebbe serbo, di Sobotica, dove è anche ricercato per rapina con violenza sessuale. «Sono qui - ha dichiarato l’alto ufficiale - per salutare i carabinieri impegnati nelle ricerche e anche tutti coloro che stanno lavorando in una zona non facile che il killer deve aver imparato a conoscere bene nel corso degli anni». 
LE RICERCHE
I cani molecolari impiegati sul campo hanno rintracciato una zona dove l’uomo potrebbe aver dormito. Un giaciglio di fortuna, dal quale è riuscito ad allontanarsi. «Per controllare l’enorme territorio ci vogliono almeno tre, quattro giorni - spiega un investigatore - Non è un’operazione facile». Venti chilometri per cinque, il perimetro di maggiore intervento. Ma, sebbene gli uomini dei reparti speciali siano ancora in azione nei dintorni delle oasi di Marmorta e Campotto perché ritengono che Igor sia lì, nel frattempo le ricerche si sono allargate a Ravenna e Rovigo. 
Gli inquirenti, poi, continuano a sentire i detenuti che hanno condiviso la cella con Vaclavic, i componenti della “banda Pajdek” che hanno terrorizzato la zona per anni. È stato proprio Ivan Pajdek a riferire ai magistrati i nomi delle persone che Igor conosceva bene e che potrebbero avergli dato appoggio. Tutta quella “corte” che girava intorno alla casa di Aguscello di Ruzena Sivakova, mamma Rosi. 

Ultimo aggiornamento: 12 Aprile, 08:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA