No Vax Pentastellati basiti dal tradimento di Grillo

Giovedì 10 Gennaio 2019 di Mario Ajello
1
"Ma si sa come è fatto Beppe". "Grillo? Che cosa ha detto? Sa che non lo so....". Oppure: "Meglio non commentare". E ancora: "Lasciamo perdere...". Sono tanti i No Vax dentro i 5 stelle, e molti sono basiti davanti al "tradimento" di Grillo, il quale ha firmato il manifesto vaccinista dello scienziato dem Roberto Burioni, spesso attaccato dai grillini. Grillo, ormai svincolato da diplomatismi di partito, ha fatto questo atto eretico. Ma in fondo neanche tanto. Lo stesso Di Maio viene descritto nient'affatto come un No Vax e così altri al vertice del movimento. Il nuovo commissario dell'Istituto superiore di Sanità, nominato dalla ministra pentastellata Giulia Grillo, è un Pro Vax. E dunque, tra le tante abiure al grillino originario, c'è anche quella sui vaccini e sulla pseudo-scienza che faceva parte del bagaglio ideologico del grillismo tradizionale ora rigettato anche da Grillo. Ma non tutti sono con lui, e la nuova spaccatura Vax si aggiunge, tra un Tap e un Triv, a portare altro scompiglio in un universo politico che ribolle di divisioni e sconcerti. © RIPRODUZIONE RISERVATA