Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Enrico Brignano sposa Flora Canto il 30 luglio: «L'Arena di Verona? No, nozze più intime...»

L'attore presenta il suo show, in scena oggi all’Auditorium: «Basta distanze, è ora di tornare a darci del tu»

Giovedì 23 Giugno 2022 di Valentina Venturi
Enrico Brignano sposa Flora Canto il 30 luglio: «L'Arena di Verona? Nozze più intime...»

Enrico Brignano entra subito confidenza con il suo pubblico nel suo nuovo spettacolo Ma... Diamoci del tu, questa sera al Parco della Musica. Un classico one man show cucito su misura, durante il quale il comico romano (56 anni, originario della frazione di Dragona), parla di tutto: dalla pandemia al suo ruolo di genitore, dalla burocrazia al mestiere di comico, fino alla consapevolezza del tempo che passa.
Perché darsi del tu?
«Perché il periodo che abbiamo appena vissuto ci ha allontanato terribilmente: la distanza è diventata non solo fisica, ma anche emotiva. Dobbiamo recuperare un po' di familiarità, di sorrisi e di piacevolezza. E questa sera ci voglio provare con gli spettatori in Cavea».

Enrico Brignano e Flora Canto, la proposta di nozze all'Arena di Verona. Lei: «Sei matto!»


Cosa la diverte?
«Per deformazione professionale, capita spesso di prevedere dove certe battute vanno a parare. Quindi, quando mi spiazzano o quando le risposte sono fulminee, scoppio in risate piuttosto fragorose. In questo, è bravissima mia figlia Martina: 5 anni e una spontaneità che mi ruba spesso un sorriso. E a volte mi lascia anche un po' interdetto».
È diventato padre per la seconda volta: dopo Martina è nato Niccolò. Ha dei consigli per i futuri genitori?
«Fate i figli presto. Ma non perché a 56 anni io abbia problemi a star loro dietro, ma solo perché è una gioia immensa e, se l'avessi sospettato, me la sarei regalata, e fatta regalare dalla mia compagna Flora, molto prima».
Sia sincero: aiuta nelle faccende casalinghe?
«Certo, io sono uomo di casa! Sarà per questo che sono stato scelto come testimonial per lo spot di un noto detersivo: io dei lavaggi so tutto. Sono cintura nera, anzi bianca, di bucato. Con due ragazzini piccoli, poi, a casa mia le lavatrici vanno che è un piacere. A dirla tutta anche io, a impataccarmi le magliette sono sempre il primo».
La regia è curata da Paolo Genovese: le ha dato qualche indicazione particolare durante le riprese?
«Sì, mi ha detto: sii te stesso e andrà benissimo, fai una bella faccia acqua e sapone. Mi sono divertito molto a interpretare i diversi personaggi, ognuno con la sua fissa nel fare la lavatrice. Mi sono sbizzarrito anche con i vari dialetti. Certo, mia madre non mi perdonerà mai di averla impersonata con tanto di pizzetto».
È nota la sua passione per le macchine d'epoca, tanto che la Fiat 500 Spiaggina è diventata un elemento scenografico dei suoi spettacoli. Da dove nasce questo hobby?

Enrico Brignano e Flora Canto genitori per la seconda volta: «Ti aspettavamo da sempre»


«Ho sempre amato i motori, i congegni meccanici. Entrare in un'officina per me è sempre stata una specie di festa. Se poi si tratta di motori con una storia, tutto acquista ancora più fascino ai miei occhi».
Il 30 luglio 2022 è stato fissato il suo matrimonio con Flora Canto. Come le ha chiesto di sposarla?
«Sono stato molto discreto, ho pensato di farle la proposta in intimità: all'arena di Verona, davanti a 6000 persone. Al contrario, il matrimonio sarà molto più intimo. E diciamo che ci vuole poco».
Il suo video intitolato un altro flambus a Roma è diventato virale: se la eleggessero sindaco di Roma cosa farebbe come primo atto ufficiale?
«Se fossi il sindaco? Beh, come prima cosa darei le dimissioni».
Qual è il ricordo del primo incontro con il suo maestro Gigi Proietti?
«Quando lo vidi da vicino, il primo giorno di laboratorio, la sua scuola di recitazione. Ero senza parole, saliva azzerata e, quando gli dissi Ciao lui mi rispose: Sei afono. Non sapevo nemmeno cosa significasse, ma dissi Sì perché lo aveva detto il maestro. E, tra l'altro, anni dopo un foniatra mi confermò che aveva ragione!».
Cavea dell'Auditorium Parco della Musica, Via Pietro de Coubertin, 10. Oggi, ore 21

 

Ultimo aggiornamento: 24 Giugno, 19:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA