La biblioteca di San Girolamo dedicata al preside Riccardo Carlon

Mercoledì 4 Dicembre 2019
La biblioteca di San Girolamo dedicata al preside Riccardo Carlon

SCUOLA
VENEZIA Apre i battenti la nuova Biblioteca scolastica innovativa. Lo struttura, ubicata presso la scuola primaria San Girolamo, vuole essere un nuovo punto di riferimento per il territorio. Inaugurata ieri, la sua creazione è stata resa possibile grazie al bando nazionale per la costituzione di biblioteche scolastiche innovative del 2016, realizzato nell'ambito della Scuola digitale. L'Istituto comprensivo di San Girolamo è stato l'unica scuola di Venezia centro storico a vincere il bando. Un grande traguardo che porta in città un nuovo spazio culturale ricco di stimoli.
IL PRESIDE
La Biblioteca Innovativa è intitolata a Riccardo Carlon, da sempre impegnato nel mondo didattico ed educativo. È stato lui stesso a istituire nel 2002 lo spazio bibliotecario oggi tramutato nel progetto innovativo che introduce il digitale accanto agli strumenti tradizionali. Primo sostenitore e promotore di una Biblioteca scolastica intercircolo a Venezia, è stato maestro, direttore didattico e dirigente scolastico. Uomo di grande cultura, aveva una spiccata vocazione per la didattica. Prezioso è stato il suo contributo alla scuola pubblica. Mancato nel 2013, all'età di 62 anni, svolgeva il suo lavoro con costanza, dedizione e passione.
Aveva ottime capacità di rapportarsi con tutti: dagli alunni, agli insegnanti, ai docenti al personale amministrativo. Grande era il suo impegno nel dotare le scuole di strumenti aggiornati di consultazione e di ricerca disciplinare. Per questo dedicare la Biblioteca alla sua memoria ha un significato profondo.
LA PROPOSTA
Sono stati gli stessi docenti e il personale amministrativo degli Istituti Comprensivi Girolama, Diaz, Morosini, Alighieri a presentare al Consiglio d'Istituto questa proposta, chiedendo di apporre nell'aula che ospita la Biblioteca, una targa in sua memoria. La nuova struttura mira a creare un luogo attivo, aperto a nuove prospettive e potenzialità. «L'obiettivo è quello di far partire da questa biblioteca progetti innovativi e partecipati», dichiara il dirigente scolastico Barbara Bernardore. Grazie all'utilizzo del digitale, l'offerta è ampliata e differenziata in maniera significativa. L'accesso ai libri è garantito sia in formato cartaceo sia in formato digitale. Docenti, alunni e famiglie avranno la possibilità di accedere a questa biblioteca. Tramite una piattaforma digitale sarà possibile prenotare volumi e visionare quotidiani online, scaricare ebook e molto altro. L'uso della rete e di strumenti digitali permetterà di attuare nuovi modelli di formazione e apprendimento per colmare il disinteresse verso la lettura e le difficoltà di comprensione sempre più diffuse, in particolari tra i più giovani. La Biblioteca rivestirà un ruolo importante per la cittadinanza proponendosi come luogo di aggregazione e di crescita.
«Svolgerà un'importante funzione di presidio culturale e sociale, dove i più giovani potranno confrontarsi, scambiarsi le proprie idee, costruirsi un loro pensiero critico - conclude il consigliere comunale Matteo Senno - questo è fondamentale per far crescere le future generazioni».
Virginia Grozio
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA